Ecco Vigicovid, l’applicazione sviluppata dall’università di Verona

L'applicazione permette di segnalare eventuali eventi avversi dopo i vaccini

Vaccini contro il Covid-19 ed eventuali reazioni avverse. Una questione di grande interesse per la popolazione adulta veneta che si è sottoposta o si sottoporrà a breve al vaccino e si chiede cosa fare in caso di reazioni avverse. La risposta si chiama Vigicovid ed è un’applicazione sviluppata dall’università di Verona che permette ai cittadini residenti nella Regione di segnalare con facilità, anche tramite il cellulare, le reazioni indesiderate osservate in seguito alla vaccinazione. Si tratta di uno strumento dall’importanza centrale per monitorare la sicurezza dei vaccini anti Covid-19. 

Vigicovid funziona in modo molto semplice e intuitivo. Accedendo alla pagina dedicata da proprio pc o da smart phone basterà premere il tasto segnala una reazione avversa  e compilare un semplice modulo inserendo i dati personali del vaccinato, dell’effetto insorto, della vaccinazione, e del soggetto segnalatore (che può essere diverso dal vaccinato). Le segnalazioni saranno trasferite automaticamente nella Rete nazionale di farmacovigilanza dell’Agenzia italiana del farmaco per le opportune analisi.

L’iniziativa è promossa dal Centro regionale di farmacovigilanza del Veneto che si occupa delle attività di sorveglianza dei medicinali e svolge attività di coordinamento nella raccolta, gestione e valutazione periodica delle schede di segnalazione di reazione avversa. Il Centro ha sede nella Sezione di Farmacologia del dipartimento di Diagnostica e sanità pubblica dell’università di Verona. I referenti del progetto Vigicovid per l’ateneo sono Ugo Moretti,  Riccardo Lora e Roberto Leone.

VigiCovid è disponibile all’indirizzo: https://www.vigicovid.it/