Un momento della manifestazione

Grande successo per Sport Expo 2013 evento promosso in collaborazione con Scienze motorie di Verona

Grande successo per la nuova edizione di Sport Expo, l’evento a tema sportivo, unico nel suo genere in Italia, rivolto a bambini, famiglie e società sportive.  Proposta per la prima volta otto anni fa a Verona, la manifestazione è organizzata dall’assessorato allo Sport del Comune di Verona, in collaborazione con l’Ufficio scolastico per l’educazione fisica e sportiva di Verona, il comitato regionale del Coni, Verona Fiere e il Comitato provinciale Fipav e con l’apporto organizzativo di Scienze motorie Verona, si  è svolta da sabato 15 a lunedì 17 marzo, negli spazi della Fiera di Verona (Padiglioni 9 e 10).

L’obiettivo della manifestazione è stato promuovere il ruolo educativo dello sport, dedicando ai 2500 bambini, accompagnati da insegnanti e personale qualificato, tre giornate in cui sperimentare le più svariate discipline sportive, assistere alle esibizioni, partecipare ai minitornei, nell’ottica di divertirsi in modo curioso e appassionato. Le Federazioni presenti, più di cinquanta, le Società sportive del territorio veronese, insieme allo stand organizzato da Lidl, Presenter Patner dell’iniziativa già da sei anni, con la collaborazione di Scienze Motorie, hanno offerto ai ragazzi spazi appositamente allestiti, dove potere cimentarsi con giochi a tema, e approfondire aspetti educativi e culturali di ogni disciplina, secondo le proprie propensioni e desideri. «È stato importante conoscere discipline nuove con cui confrontarsi – spiega Luciano Bertinato, docente di Tecniche e didattica degli sport di squadra-. Sport Expo è una Fiera il cui obiettivo è raggiungere ragazzi fino ai quattordici anni, perché crediamo che quella sia l’età in cui si sceglie l’attività sportiva. Alle tante discipline sportive, si affianca anche tanta attività fisica. Scienze Motorie punta a formare i giovani, attraverso una corretta attività fisica che promuova la salute».

Il ruolo di Scienze Motorie nella kermesse è stato particolarmente rilevante, in quanto ha coinvolto  studenti e laureati che, con le loro competenze specifiche, sono stati in grado di seguire da vicino i giovani atleti di Sport Expo, gestendo le attività con preparazione e professionalità. Più di 180 gli studenti di Scienze motorie coinvolti in questa esperienza che rientra in un’attività didattica integrativa nell’ ambito dei tirocini previsti dai corsi di laurea. Gli studenti sono stati i protagonisti delle due mattinate (quella del sabato e quella del lunedì) dedicate alle scuole. Scienze motorie infatti, insieme all’Ufficio scolastico provinciale di Verona e alla Dna Sport Consulting, è per il secondo anno consecutivo promotrice e organizzatrice della “formula scuole” che propone una serie di attività culturali, educative, sportive a cui aderisce un centinaio di scuole. Tra le proposte percorsi personalizzati per ogni classe, sulla base delle diverse fasce di età e abilità motorie dei bambini. Le classi, accompagnate dagli studenti di Scienze motorie, hanno avuto la possibilità di provare le varie discipline, suddivise in quattro aree tematiche o “stazioni”: lo spazio calcio, la stazione sport di squadra, quella sport individuali e l’area attività emozionali, dove i bambini si sono cimentati in un’arrampicata su una parete artificiale, hanno provato l’inebriante esperienza di volare tra gli aquiloni del kitesurf, galoppare a cavallo e sfrecciare sui roller attraversando i percorsi della alfabetizzazione motoria.

«Sport Expo – dichiara Federico Schena, presidente del collegio didattico di Scienze motorie- è un’esperienza che va ad avvalorare il completamento formativo proposto da Scienze Motorie per sviluppare una professionalità veramente utilizzabile dopo la laurea in tutti i contesti del mondo dello sport». All’interno dello stand allestito da Scienze Motorie sono state presentate le attività formative e scientifiche a tutti coloro che sono interessati a intraprendere un corso di studi che, secondo Almalaurea, è tra quelli che garantiscono la maggiore percentuale di lavoro entro un anno. Gli studenti di Scienze motorie hanno anche organizzato con i bambini un flash mob per promuovere la Giornata Mondiale del Movimento in programma il 6 aprile.

Più di 40 discipline dalle più note a quelle meno conosciute, da quelle individuali a quelle di squadra,suddivise in 8 aree tematiche, permettendo così di raggruppare le attività sportive in base alle loro caratteristiche. Tanti gli sport che hanno animato la tre giorni di Sport Expo: da quelli più familiari come la pallavolo, protagonista con Fipav, Bluvolley e una rappresentanza di Calzedonia, il basket, con la presenza di Tezeniz Scaligera e Olympic Basket, il calcio, con Chievo, Hellas e Verona Calcio Femminile, il rugby, il tennis, il ciclismo, il tiro con l’arco, il football americano, l’hockey su prato, l’atletica leggera, a quelli più di nicchia come canoa kayak, la danza sportiva, l’arrampicata sportiva, e molti altri ancoraDa segnalare l’entrata di Footgolf, che unisce la precisione del golf alla tecnica e fantasia del calcio.

Tre le novità dell’ottava edizione 2014. La prima è stata la presenza del “Villaggio Mondiale” per dare l’opportunità di scoprire tutti i dettagli del Mondiale di pallavolo femminile, che si terrà a Verona dal 23 settembre al 5 ottobre.  L’altra novità è stata l’allestimento all’interno del Padiglione 10 della Fiera della “Piazza dello Sport Scaligero”, che ha visto la partecipazione di tutti i Comuni della provincia con le proposte delle loro iniziative ed eventi sportivi. Si è trattata di un’occasione per conoscere la ricchezza e peculiarità dei progetti locali. Inoltre, da quest’anno, Sport Expo è diventata itinerante: dopo Verona, la fiera-evento si sposterà a Mantova (26-27 aprile), Trento (27-28 settembre) e Bologna (18-19 ottobre).

19/03/2014