Job&Orienta verso le nozze d’argento

Il Salone giunge quest’anno all’edizione numero 22, qualificata e ben visibile la presenza dell’ateneo di Verona

Molto visibile la presenza dell’Università di Verona all’interno di Job&Orienta, giunto quest’anno alla 22esima edizione. All’interno del padiglione 6 spicca lo stand dell’ateneo scaligero, preso letteralmente d’assalto fin dalle prime ore dell’apertura, da numerosi ragazzi delle scuole medie superiori in cerca di informazioni sul loro futuro.

Un appuntamento imperdibile. Una presenza, quella dell’ateneo di Verona, che sottolinea ancora una volta il forte legame tra Università e territorio e tra Università e Job&Orienta. 53.000 i visitatori dell’edizione 2011, a conferma di come la manifestazione sia ormai un appuntamento imperdibile non solo per addetti ai lavori ma anche per quanti si avvicinano per la prima volta al mondo del lavoro o non hanno ancora individuato il proprio percorso scolastico. Più di 500 le realtà presenti in rassegna, 90 gli appuntamenti in calendario tra convegni, dibattiti e seminari, con 200 relatori e ancora spettacoli e animazioni.

Un ponte tra scuola e lavoro. Il Salone quest’anno ha voluto richiamare l’attenzione sulla sempre più urgente e imprescindibile necessità di migliorare il dialogo tra la scuola e le imprese e di potenziarne e portare a sistema gli strumenti – alternanza scuola-lavoro, apprendistato, progetti start up dei poli tecnici-professionali, reti scuola-impresa – anche alla luce degli ultimi dati che prevedono, da qui al 2020, la scomparsa di ben 385.000 posti di lavoro solo guardando alle figure professionali “ad alta intensità manuale”, come falegnami, muratori e carpentieri, carrozzieri, tipografi, rilegatori, tappezzieri, sarti, pellettieri, stuccatori. “Mani&ingegno. Migliori si diventa!” è il titolo scelto dunque per l’edizione 2012, a sottolineare l’impegno di Job a essere momento privilegiato di dibattito sul tema della continuità tra sistema educativo e accesso alla professione e vetrina delle esperienze eccellenti, coerentemente con gli obiettivi costanti del salone di offrire spazi di aggiornamento e scambio per operatori della scuola e del mondo del lavoro, per giovani e famiglie, che qui trovano spazi di approfondimento, esperienze concrete e testimonianze.