Il 23 aprile nella biblioteca civica ci sarà un incontro sul tema Verona città del libro

Venerdì 23 aprile dalle 9.30 alle 13.00 nella Sala Farinati alla Biblioteca Civica di Verona si terrà una tavola rotonda sul tema Verona città del libro. L'incontro è stato ideato per celebrare la Giornata mondiale del libro e del diritto d'autore promossa dalla commissione nazionale italiana per l'Unesco.

L'iniziativa.Tra i promotori dell’iniziativa compaiono il comune di Verona, la società Dante Alighieri comitato di Verona, la fondazione Arnoldo e Alberto Mondadori, la fondazione Ippolito e Stanislao Nievo e l’università  di Verona. Nel corso della tavola rotonda saranno evidenziate le caratteristiche che permettono di definire Verona come la città del libro: dalla presenza dell'indovinello veronese, alla presenza della biblioteca Capitolare, alla figura di un vero multiforme artista del libro come Felice Feliciano, alla presenza di una bottega tipografica che produsse il primo libro illustrato della storia dell'editoria, alla più recente presenza di un'importantissima casa editrice italiana, la Mondadori, che si sviluppò proprio a Verona, alla figura di Giovanni Mardersteig, fondatore e animatore della celebre Officina Bodoni, fino alla contemporanea ripresa dell'esperienza laboratoriale di realizzazione di libri a stampa fatti con le tecniche antiche manuali di cui è testimone uno speciale corso universitario nella facoltà di Lingue dell'università di Verona. Un particolare spazio verrà infine riservato alla presenza delle cartiere in Verona e nel suo territorio, legate a importanti aziende del settore, di livello nazionale.

I relatori. Durante l’incontro interverranno Agostino Contò, funzionario delegato della Biblioteca Civica di Verona, Laura Pighi del comitato veronese della società Dante Alighieri, Maria Rosa Santiloni, segretario generale della fondazione Ippolito Nievo, Luisa Finocchi, responsabile della fondazione Arnoldo e Alberto Mondadori di Milano – che parlerà della presenza a Verona della casa editrice Mondadori – e Martino Mardersteig, titolare della Stamperia Valdonega. Alessandro Corubolo e Gino Castiglioni illustreranno la particolare esperienza dell'Officina Bodoni e delle private press che all'Officina Bodoni si sono ispirate, rendendo il “caso Verona” assolutamente unico in Italia.

Il programma. È previsto inoltre l’intervento di Paolo Pellegrini e Alessandro Zanella, che da diversi anni seguo per l'ateneo scaligero un corso dedicato alle tecniche tipografiche manuali. La conclusione sarà affidata al direttore commerciale Costantino Mariani delle Fedrigoni Cartiere, con un intervento dedicato alla presenza di industrie della carta nel territorio veronese.