A Giacomo Canevari la prima edizione del premio Siam Apde Early Career Prize

Il ricercatore è stato premiato per i suoi studi sul modello variazionale per i cristalli liquidi 

Giacomo Canevari, ricercatore di Analisi matematica nel dipartimento di Informatica di ateneo, è il vincitore del premio Siam Apde Early Career Prize, assegnato dalla Siam, Society for Industrial and Applied Mathematics, ogni due anni ad un ricercatore o ricercatrice che abbia ottenuto risultati fondamentali nell’ambito delle equazioni alle derivate parziali.

Laureatosi all’università di Pavia, Canevari ha svolto il dottorato all’Université Pierre et Marie Curie (ora Sorbonne Université) a Parigi e ha lavorato come post-doc all’università di Oxford, e al Basque Centre for Applied Mathematics di Bilbao. Si interessa all’analisi di modelli variazionali provenienti dalla scienza dei materiali, con applicazioni soprattutto allo studio dei cristalli liquidi.

“Sono onorato di essere stato selezionato come vincitore di questo premio”, spiega Canevari. “Sono grato alle persone con cui ho avuto l’opportunità di lavorare nel corso degli anni – mentori, collaboratori e colleghi eccezionali – e sono lieto di vedere che i nostri sforzi sono stati riconosciuti dalla comunità Siam”.

Nella sua ricerca ha approfondito il modello variazionale, basato sulla meccanica del continuo, per i cristalli liquidi nematici in tre dimensioni: il cosiddetto modello di Landau-de Gennes.

“I cristalli liquidi hanno applicazioni tecnologiche molto importanti – per esempio, sono una componente essenziale nell’industria dei display – e sono oggetto di molte ricerche sperimentali”, ha sottolineato Canevari, concludendo che, “se conoscessimo dettagliatamente e fossimo in grado di controllare con precisione il comportamento dei difetti in una pellicola sottile di cristalli liquidi, potremmo sfruttare questa informazione a nostro vantaggio e, idealmente, realizzare nuove applicazioni tecnologiche”.