Energita 2016

Sulle tracce del futuro percorso ciclabile dell’Ecomuseo dell’energia pulita

Biciclette, storia, scienza, partecipazione, conoscenza. È in programma il 12 giugno la settima edizione dell’EnerGita, l’appuntamento che mira a sensibilizzare la comunità veronese in materia di sostenibilità ambientale attraverso un’escursione in bicicletta di circa 20 chilometri. L’evento è realizzato dalla Commissione sostenibilità di ateneo e dalla Fiab, Federazione italiana amici della bicicletta. L’iniziativa è stata aperta da un incontro di presentazione, che si è svolto mercoledì 8 giugno nella sede della Fiab.

EnerGita 2016. L’escursione in bicicletta, con partenza alle 9 dalla sede dell’organizzazione, porterà i partecipanti sulle strade di Borgo Roma e San Giovanni Lupatoto fino ad arrivare al Lazzaretto dove membri del Fai, Fondo ambiente italiano, illustreranno i lavori di restauro del ponte sull’Adige di Bosco Buri. Il rientro in città è previsto per le 12.30.

Nell’ambito dell’iniziativa saranno mostrati i punti salienti di un progetto presentato dalla Fiab che ha l’obiettivo di creare un percorso ciclabile per uscire dalla città in bici in modo rapido, sicuro e piacevole e, allo stesso tempo, valorizzare l’archeologia industriale del territorio. “Le strutture architettoniche e ingegneristiche – spiegano gli organizzatori – rappresentano una testimonianza storica da salvaguardare. Si tratta di centrali idroelettriche, dighe e canali che tra ‘800 e ‘900 hanno distribuito energia grazie al flusso del fiume Adige. La “Via ciclabile dell’energia pulita”, così dovrebbe  non costituisce solo un percorso alternativo, sicuro e sostenibile, ma vuole essere un progetto in grado di valorizzare questi elementi storici della città di Verona”.

L’iniziativa è aperta a studenti di ateneo, soci Fiab e cittadini. Per informazioni www.sostenibilmente.it

09.06.2016