Trattato transatlantico per il commercio e gli investimenti

Convegno a Vicenza il 10 giugno organizzato dal distretto Lions Ta1 in collaborazione con l'ateneo

L'appuntamento con il Trattato transatlantico per il commercio e gli investimenti, Ttip, può cambiare radicalmente i rapporti tra l’Europa e gli Stati Uniti in tema di scambi commerciali e nella vita stessa delle persone. Il trattato sarà analizzato il 10 giugno nella sede del polo scientifico e didattico “Studi sull’impresa” di Vicenza, dalle 8.30, nell’ambito di un convegno organizzato dal distretto Lions Ta1 in collaborazione con il Multidistretto 108 Italy, l'università di Verona e il polo “Studi sull’impresa”.

Durante l’iniziativa, che gode del patrocinio di Apindustria Vicenza, saranno esposte le varie posizioni sul tema nell’intento di favorire un confronto a tutto campo che possa chiarire le idee e indicare delle linee future per quanto riguarda l’impatto economico, gli strumenti per la risoluzione delle controversie, il settore primario, i servizi finanziari, la libera circolazione, le piccole medie imprese, la proprietà intellettuale e i diritti umani delle persone, in special modo quelle con disabilità. Interverranno professionisti, esperti di diritto internazionale, esponenti dell’Unione europea e rappresentanti di Germania e Ungheria che analizzeranno il quadro generale, illustrando i vari punti di vista all’interno dell’Ue. Al convegno parteciperanno, tra gli altri, Gabriele Sabatosanti Scarpelli e Liliana Caruso per i Lions italiani.

Trattato transatlantico per il commercio e gli investimenti è un accordo commerciale di libero scambio in corso di negoziazione tra Unione europa e Usa, ancora in fase di discussione. Per alcuni rappresenterebbe un’opportunità di sviluppo, in grado di facilitare i rapporti commerciali, per altri è motivo di grandi preoccupazioni per gli innegabili riflessi sull’occupazione. Un trattato comunque storico, che interesserà 820 milioni di persone.

In allegato il programma completo del convegno.

31.05.2016

Allegati