L’immaginario e il consumo del cibo ai giorni nostri

Il 5 e il 12 maggio presentazione di due libri di docenti di ateneo in collaborazione con l’Osservatorio sui consumi delle famiglie

Doppio appuntamento al Polo Zanotto dedicato ai consmi delle famiglie. “Crisi e consumi a Verona. Indagine dell’Osservatorio sui consumi delle famiglie” è il titolo del volume di Luca Mori, ricercatore del dipartimento di Culture e Civiltà e di Debora Viviani e Sandro Stanzani, docenti dello stesso dipartimento di ateneo, che sarà presentato giovedì 5 maggio alle 16 nell’aula T3 del Polo Zanotto. Il secondo incontro, in programma il 12 maggio alle 15.30 nell’aula T6, affronterà gli argomenti sviluppati nel libro “Il cibo immaginato tra produzione e consumo. Prospettive socio-antropologiche a confronto”, scritto dalle docenti Debora Viviani del dipartimento di Culture e civiltà, e Valentina Grassi dell’università di Napoli Parthenope.

Il primo incontro. “La crisi economica in cui l’Italia si dibatte da diversi anni, – spiegano gli autori del libro – ha costretto le famiglie a mutare profondamente le proprie abitudini di consumo. Nonostante Verona presenti un indice di impatto economico della crisi più basso di quello italiano e di quello registrato nel Nord-Est, le famiglie scaligere hanno adottato comportamenti maggiormente improntati all’oculatezza, tagliando il superfluo e diminuendo la quantità, ma non la qualità dei prodotti acquistati”. Il lavoro di Mori, Stanzani e Viviani presenta i risultati dell’indagine “Le famiglie veronesi di fronte alla crisi economica” svolta alla fine del 2014 dall’Osservatorio sui Consumi delle Famiglie diretto dal docente di ateneo Domenico Secondulfo. Il testo si propone di illustrare le conseguenze che la difficile situazione economica ha comportato sulle strutture dei consumi nella città scaligera. Oltre agli autori e a Secondulfo, interverranno Roberta Capitello, docente del dipartimento di Economia aziendale di ateneo e il giornalista Lucio Bussi.

Il secondo incontro metterà in luce il rapporto tra il mondo dello spettacolo e il mondo della produzione e del consumo di cibo, quest’ultimo sempre più lontano dalle sue connotazioni materiali. Oltre all’intervento di Domenico Secondulfo e delle autrici Debora Viviani e Valentina Grassi, prenderanno parte all’incontro Roberta Paltrinieri, docente dell’università di Bologna e Ariela Mortara, docente dello Iulm di Milano.

28.04.2016