Migrazioni: tra politiche nazionali e Unione europea

Molti gli ospiti intervenuti in ateneo nell’ambito del convegno organizzato dal gruppo “Universitari per la federazione europea”

Martedì 19 gennaio, nell’aula Falcone-Borsellino del dipartimento di Scienze giuridiche dell’ateneo veronese si è svolto il convegno “Unione Europea e migrazioni, tra la rotta balcanica e quella mediterranea”, organizzato dal gruppo studentesco “Universitari per la federazione europea”. Un’occasione di dibattito informato e aggiornato sul tema delle migrazioni, che è stato affrontato da un punto di vista giuridico, geopolitico e sociologico.

Durante l’incontro, realizzato con il contributo dell’università di Verona e il patrocinio di Gioventù federalista europea e Movimento federalista europeo, è stato analizzato il rapporto tra i flussi di migranti cui stiamo assistendo da Africa e Medio Oriente e le politiche di accoglienza e respingimento adottate da Bruxelles. A intervenire alcuni tra i massimi esperti italiani in materia. Dopo i saluti di Giorgio Gosetti, delegato del rettore per il Diritto allo studio e le politiche per gli studenti e di Leonardo Frigo, vice presidente del Consiglio degli studenti, sono intervenuti, tra gli altri, Andrea Iacomini, portavoce nazionale UNICEF Italia, l’onorevole Gennaro Migliore, presidente della Commissione parlamentare d’inchiesta sul sistema di accoglienza e identificazione dei migranti e Carlo Melegari, presidente di Cestim Verona. All’incontro, coordinato da Riccardo Vecellio Segate, è intervenuta anche Isolde Quadranti, responsabile del Centro di documentazione europea dell’università di Verona.

Ascolta le interviste a Riccardo Vecellio Segate e a Gennaro Migliore, realizzate dalla redazione di FuoriAulaNetwork.

20.01.2016