Luigi Turri racconta la sua missione archeologica nel Kurdistan iracheno

Il ricercatore di ateneo è impegnato in un progetto dedicato alla salvaguardia del patrimonio storico e archeologico in Siria e Iraq

“La salvaguardia del patrimonio culturale minacciato dalla guerra in Siria e Iraq. Analisi dell’attualità e gestione della memoria storica”. Questo il titolo del progetto di ricerca che coinvolge il dott. Luigi Turri, assegnista del dipartimento di Fiologia, letteratura, linguistica, tempo, spazio, immagine e società.

Turri dal luglio scorso si trova nel Kurdistan iracheno, impegnato in una missione archeologica coordinata dall’università di Udine. Ci ha raccontato la sua esperienza attraverso alcuni video, guarda il video.

 

td

16.09.2015