Soggetti Imprevisti: omogenitorialità e nuovi confini dell’essere genitori

Conferenza internazionale, martedì 5 maggio dalle 9.30 alle 17 al polo Zanotto

Il dipartimento di Filosofia, pedagogia e psicologia ha organizzato una giornata sui temi dell’omogenitorialità martedì 5 maggio dalle 9.30 alle 17 nell’aula 2.3 del polo Zanotto. Due le ospiti illustri dell’incontro, Susan Holloway e Jacqui Gabb, entrambe vising professors in ateneo. Holloway, psicologa americana della university of California Berkeley, si occupa da oltre trent’anni di tematiche relative alla costruzione della genitorialità in prospettiva cross-culturale, con importanti lavori sul campo in Giappone e nella Federazione russa. Gabb, invece, è sociologa alla Open university ed è presente in ateneo per un progetto CooperInt. Nel corso della sua carriera ha approfondito il tema della costruzione della vita intima familiare, con una forte centratura sulle forme di famiglia non tradizionali. Il suo approccio metodologico, molto innovativo, ha aperto nuovi fronti e dibattiti nell’ambito dei metodi qualitativi nei family studies.

La conferenza si propone di esplorare le differenti modalità dell’identità nella relazione tra i modelli diffusi sulla genitorialità e sulle implicazioni che questo ha per i professionisti che lavorano con bambini e famiglie. Attraverso un dialogo transdisciplinare e interculturale, i vari contributi affronteranno la genitorialità come esperienza soggettiva e fatto sociale complesso, espressione di un modo di essere e divenire soggetto proprio del tempo attuale.

30.04.2015

Allegati