Promuovere la mobilità ciclistica, una nuova professione?

Aperte fino al 7 febbraio le iscrizioni alla seconda edizione del corso di perfezionamento e aggiornamento professionale per una nuova figura "Promotore della mobilità ciclistica"

Venerdì 7 marzo nell’ateneo scaligero prenderà il via la seconda edizione del corso di perfezionamento e aggiornamento per una nuova figura professionale “Promotore della mobilità ciclistica”, organizzato dal dipartimento di Scienze neurologiche e del Movimento. L’iniziativa, forte del successo conquistato nella scorsa edizione, ha lo scopo di diffondere l’uso quotidiano della bicicletta nel contesto urbano. Il corso è rivolto a diplomati e laureati di qualsiasi livello e disciplina, persone che desiderano acquisire una competenza specialistica a tutto tondo e che intravvedono nella loro vita la possibilità di lavorare nella promozione della bicicletta con attività in proprio legata al cicloturismo, ai servizi per la bici in città, nella pianificazione e progettazione di sistemi e percorsi ciclabili.

Il corso, che si svolgerà tra marzo e giugno, prevede un programma suddiviso in 48 ore di lezioni frontali, distribuite in quattro fine settimana dal venerdì al sabato, intervallate da due weekend pratici in bicicletta in luoghi considerati un valido punto di riferimento per chi si muove sulle due ruote. Durante il percorso formativo il corpo insegnante composto da docenti universitari ed esperti Fiab, Federazione italiana amici della bicicletta, accompagnerà gli iscritti ad acquisire le competenze necessarie a concepire in modo diverso la mobilità e lo sviluppo dei territori.

Nella prima edizione del corso 21 persone, 9 femmine e 12 maschi, di età compresa tra i 23 ed i 45 anni, hanno studiato in aula e pedalato sui luoghi di eccellenza di città come Mestre e Bolzano, oltre che su luoghi famosi per il cicloturismo come la Valsugana e l’anello dei Colli Euganei per imparare a valorizzare le potenzialità ciclistiche dei territori e delle città. Tra loro progettisti, economisti e laureati in discipline umanistiche, di cui 17 provenienti da città diverse da Verona e 13 fuori dal Veneto. Un'iniziativa di carattere nazionale, dunque, che ha coinvolto persone accomunate dalla passione e il desiderio di promuovere l’uso della bicicletta.

Le iscrizioni dovranno essere effettuate entro venerdì 7 febbraio. Per maggiori informazioni clicca qui . Di recente, inoltre, il Consiglio nazionale dell’Ordine degli Architetti ha assegnato a questo corso 15 crediti formativi professionali, mentre il Consiglio degli Ingegneri 48.

 Leggi l'intervista a Marco Passigato

03.02..2014