il pubblico della serata

Si è conclusa la quarta edizione di Unifestival

The Road di John Hillcoat è stata l’ultima opera cinematografica in rassegna a Infinitamente Cinema. Una pellicola tratta  dall'omonimo romanzo di Cormac McCharty (autore di Non è un Paese per Vecchi): la Terra, sconvolta da un disastro non meglio specificato, è divenuta una zona cupa e desolata, fredda ed abitata da pochi sopravvissuti, impauriti ed affamati. Un padre (interpretato da Viggo Mortensen) e suo figlio si mettono in cammino in cerca del mare: hanno con loro pochi stracci, misere razioni di cibo ed una pistola con due pallottole, per difendersi o per farla finita qualora dovesse accadere il peggio, che in un mondo abbrutito e senza più civiltà significa cadere nelle mani dei cannibali. Lottano contro il freddo e gli stenti, sono continuamente in pericolo, fanno incontri rischiosi e spiacevoli, ma preseguono senza fermarsi, perchè consapevoli di essere gli ultimi portatori del "fuoco", quel che resta di un'umanità immiserita ed arida. E’ un film ricco di angosce ma con una fotografia perfetta, gelida nel ritrarre la desolazione del presente, quanto calda e morbida nell'illuminare i ricordi del passato. Ma è nella storia che il film ha la sua forza: il mito del viaggio calato in un mondo in cui il tempo si è fermato e non esiste più futuro, il rapporto fra un padre ed un figlio di intensità quasi religiosa, i dilemmi morali e le diverse scelte di chi si arrende allo scempio dei tempi (la madre, suicida, interpretata da Charlize Theron) e di chi compie un'assunzione di responsabilità estrema, verso un Dio che non si vede ed una civiltà che ha fallito. The Road è un film di sconsolata lucidità, ma non rinuncia alla speranza di un'umanità che sappia rinascere dalle proprie ceneri.