Trauma, memoria, riparazione: la lezione del femminismo Nero

Al Polo Santa Marta il dialogo tra Mackda Ghebremariam Tesfaù e Marie Moïse

Venerdì 1 ottobre il Polo Santa Marta ospita la presentazione del Laboratorio di Filosofia politica e sessualità, in occasione della quale il referente Lorenzo Bernini, docente di Filosofia politica in ateneo, introdurrà il dialogo tra Mackda Ghebremariam Tesfaù, docente di Studi postcoloniali e decoloniali, e Marie Moïse, dottoressa di ricerca in Filosofia.

“Trauma, memoria, riparazione: la lezione del femminismo Nero” è il titolo dell’incontro, che avrà luogo nell’aula SMT6 dalle 17 alle 19, durante il quale si aprirà una riflessione su un filo rosso che lega colonialità, schiavitù e razzismo tra passato e presente. Da una prospettiva femminista Nera, la memoria diviene lente di analisi, sito di resistenza e precondizione per riparare la possibilità di un futuro. Il lavoro dell’artista e scrittrice portoghese Grada Kilomba su trauma coloniale e razzismo di genere converge con le analisi di Angela Davis, Hortense Spillers e Gloria Wekker, per affermare che la costruzione di legami di sorellanza e filiazione – simbolica, intellettuale e affettiva – rappresenti la sovversione di un regime fondato su alienazione e sradicamento. Trasmettere la ferita non significa riprodurla, ma farne materia di pratiche di guarigione.

Per maggiori informazioni e dettagli sull’evento è possibile consultare la locandina.

L’ingresso è gratuito fino a esaurimento posti. Occorre prenotarsi scrivendo all’indirizzo lorenzo.bernini@univr.it.

Green pass obbligatorio.