Andrea Brandolini protagonista di Wake up Italia

Il vicecapo del dipartimento di Economia statistica della Banca d’Italia è stato ospite per il quinto appuntamento del ciclo di incontri promossi dal dipartimento di Scienze economiche

Andrea Brandolini, vicecapo del dipartimento di Economia statistica della Banca d’Italia è stato il protagonista del settimo webinar di Wake up Italia che si è tenuto il 21 aprile scorso. L’incontro è stato moderato da Claudio Zoli, docente di Scienza delle finanze di ateneo.

Brandolini ha spiegato la situazione attuale italiana ed eventuali prospettive legate alla distribuzione della ricchezza relative alla crisi. Nel corso dell’incontro l’ospite ha affermato che “seppure non manchino le risorse per rilanciare il Paese esistono ancora situazioni che prevedono disparità di genere e di generazione. Banca d’Italia ha lavorato molto sul tema della crescita. Bisogna cambiare il modo in cui l’impresa opera investendo su istruzione e ricerca in modo da contribuire allo sviluppo del Paese ma anche per essere cittadini consapevoli”.

Andrea Brandolini è nato a Cervia (Ravenna) il 7 settembre 1961. Nel 1985 si è laureato con lode in Economia e commercio all’Università di Modena. Dopo un anno, come ricercatore a Prometeia, ha proseguito gli studi presso la London School of Economics, dove ha conseguito il Master of Science in Economics nel 1988 ed è rimasto fino al 1992. Nel giugno di quell’anno è entrato al servizio Studi della Banca d’Italia. Dal 2007 al 2012 ha diretto la Divisione struttura economica e mercato del lavoro del servizio Struttura economica e finanziaria. Da giugno 2015 a marzo 2020 è a capo del servizio Analisi statistiche. Dal 1° aprile 2020 è Vice Capo del Dipartimento Economia e statistica. Ha rappresentato la Banca d’Italia nelle Commissioni d’indagine sulla povertà nominate dai governi italiani (1994­-2007) e nel Gruppo di lavoro sul reddito minimo istituito dal Ministro del lavoro e delle politiche sociali (2013).  Ha pubblicato lavori sulla povertà, la distribuzione di reddito e ricchezza, la misurazione del benessere, su questioni di economia del lavoro e sulla storia del pensiero economico. Con S.P. Jenkins, J. Micklewright e B. Nolan, ha curato il volume The Great Recession and the Distribution of Household Income (Oxford University Press, 2013). Per i suoi studi sulla disuguaglianza dei redditi ha ricevuto l’Aldi Hagennars LIS Memorial Award dal Luxembourg Income Study (1995) e il Premio Internazionale Luigi Tartufari dall’Accademia Nazionale dei Lincei (2017).

Il prossimo appuntamento è in programma mercoledì 28 aprile, alle 12.30, con Raffaella Sadun, economista dell’università di Harvard.

Il video completo è disponibile sul canale YouTube dell’università.