Sovrappeso, obesità e corretti stili di vita: attualità e prospettive

L'università di Verona presente al convegno organizzato dal Comfoter

“Sovrappeso, obesità e corretti stili di vita: attualità e prospettive”, di questo si è parlato al convegno organizzato dal Comando delle forze operative terrestri di supporto, in collaborazione con l’università di Verona, che si è tenuto a Palazzo Carli, mercoledì 20 marzo. Il dibattito ha affrontato il problema del sovrappeso e dell’obesità dal punto di vista scientifico e accademico, per poi confrontarlo con le tematiche tecniche e militari. Al convegno sono intervenuti il rettore Nicola Sartor e il generale di Corpo d’armata Giuseppenicola Tota.

La questione “Sovrappeso e obesità: stato dell’arte” è stata esaminata da Mauro Zamboni, docente di Medicina interna, che ne ha parlato in termini di  problema globale della società moderna, seguito dal colonnello medico Raffaello Manconi che ha analizzato la situazione attuale e le prospettive future. Hanno concluso questa prima parte del convegno Federico Schena, docente di Metodi e didattiche delle attività sportive, intervenendo su “Esercizio fisico per la salute: evidenze scientifiche dell’efficacia”, e Francesca Vitali, assegnista di ricerca in Scienze motorie, che ha affrontato l’aspetto psicologico del processo di cambiamento verso una vita attiva.

Più incentrata sulle azioni da intraprendere è stata la seconda parte del convegno  “Sovrappeso e obesità: strategie e azioni per il miglioramento”  in cui Vincenzo Esperti, capitano medico del Corpo d’armata, e Doriana Rudi, del dipartimento di Neuroscienza, biomedicina e movimento, sono intervenuti sugli aspetti di medicina relativi alla corretta alimentazione e sui programmi di attività fisica contro il sovrappeso. Infine, Giuliano Bergamaschi, docente di Didattica applicata alle scienze motorie, ha analizzato le strategie per motivare ad una corretta alimentazione e ad uno stile di vita sano.