SONY DSC

Appuntamento venerdì 29 settembre con la nuova edizione della notte della ricerca

“Per una notte chiunque può essere uno scienziato”. È questo il motto di VenetoNight,  la notte europea dei ricercatori promossa dalla Commissione europea e realizzata in sinergia con gli atenei di Verona, Padova e Venezia. L’iniziativa si terrà venerdì 29 settembre in contemporanea negli atenei e centri di ricerca di tutta Europa; un’occasione per avvicinare il pubblico di ogni età al mondo della ricerca, per aprire uno spazio di incontro e dialogo con i cittadini e per sensibilizzare i giovani alla carriera scientifica.

Nel corso della mattinata si terranno laboratori dedicati alle scuole superiori. Nel dipartimento di Informatica, a Ca’ Vignal, Alessandro Farinelli guiderà gli studenti all’interno dei laboratori di ricerca dell’ateneo passando dalla robotica alla progettazione dei suoni. Nella sede del Lurm, laboratorio universitario di ricerca medica, del Policlinico di Borgo Roma, si parlerà di cellule staminali con Mauro Krampera, di patologie dei globuli rossi ed eritropoiesi con Lucia De Franceschi e di Dna ed epigenetica con Simonetta Friso e Silvia Udali. Molti laboratori si svolgeranno anche al polo Zanotto dove, nell’aula T1, Mauro Tescaro spiegherà ai ragazzi il metodo scientifico del giurista portando come esempi casi pratici rilevanti. Sempre al polo Zanotto si terrà, infine, il laboratorio organizzato da Anna Maria Paini insieme a Bianca Pastori, Chiara Tribulato e Valentina Bonello, che prevede una ricerca antropologica sul campo nel quartiere di Veronetta.

Il pomeriggio di VenetoNight si aprirà poi, alle 15.30, con la cerimonia di consegna dei diplomi di dottorato che si svolgerà nell’aula magna del polo Zanotto. Per l’occasione, Antonella Sorace, docente di Developmental Linguistics dell’università di Edimburgo, terrà la lectio magistralis “Bilingualism: cross-disciplinary research and implications for society”. La cerimonia si chiuderà in Cortile Mercato Vecchio con il tradizionale lancio del tocco e un brindisi offerto da Famiglie dell’Amarone d’arte.

La giornata si chiuderà nel tardo pomeriggio, quando la ricerca universitaria si sposterà in Piazza dei Signori. Il tema centrale di questa edizione 2017 sarà “Il Metodo Scientifico”, che verrà presentato al pubblico con un evento innovativo, creativo e divertente. La ricerca scientifica dell’ateneo di Verona verrà raccontata attraverso musica, spettacolo, talk show, esperimenti live, un’area stand dove il pubblico conoscere dal vivo i “misteri della ricerca” e un’area demo e talk dove incontrare e ascoltare i ricercatori.