FAI Marathon 2016: tra i 600 itinerari anche Verona

Domenica 16 ottobre 150 itinerari tematici in tutta Italia a cura dei Gruppi FAI Giovani

Domenica 16 ottobre 2016 l’appuntamento è con la quinta edizione di “FAImarathon – Partecipa alla Giornata FAI d’Autunno e scopri centinaia di luoghi in tutta Italia con visite a tema”, evento nazionale ideato cinque anni fa grazie alla collaborazione con Il Gioco del Lotto e realizzato dai Gruppi FAI Giovani a sostegno della campagna di raccolta fondi “Ricordiamoci di salvare l’Italia”, attiva fino al 31 ottobre.

Una passeggiata culturale nell’Italia più bellache, grazie ai 150 itinerari tematici proposti dai giovani del FAI e alle visite a contributo libero a cura dei volontari della Fondazione, permetterà di vivere una giornata da “turisti a casa nostra”, emozionante e imprevedibile, alla scoperta di più di 600 luoghi di interesse artistico, paesaggistico e sociale che rappresentano l’identità, la storia e le tradizioni delle nostre città. Partecipare il 16 ottobre a questa Giornata FAI d’Autunno consentirà agli italiani di riappropriarsi del loro patrimonio in modo spontaneo e coinvolgente. Palazzi, chiese, castelli, teatri, parchi, cortili, ma anche quartieri e interi borghi, luoghi dello sport e della produzione industriale, spesso inaccessibili al pubblico, a volte poco conosciuti oppure appena restaurati o ancora in costruzione, apriranno le loro porte e si sveleranno agli occhi del pubblico.

A Verona, il Gruppo FAI Giovani in collaborazione con il FAI Scuola ha ideato un itinerario dal titolo: “150 di Verona Italiana: scoperta e restauro delle architetture militari”.Il percorso ha come unica partenza Porta Vescovo e si snoda attraverso 3 tappe con visite guidate ogni 20 minuti dalle ore 10 alle ore 16.

La prima tappa sarà Porta Vescovo che, già in epoca scaligera, era l'accesso orientale della città. Il nome deriva probabilmente dal fatto che il Vescovo di Verona aveva alcuni diritti sui dazi delle merci in entrata attraverso questo passaggio. Il monumento attuale risale invece all'epoca Veneziana, quando la porta venne ingrandita e dotata della bella facciata in pietra bianca decorata. In epoca austriaca, la porta regolava l'accesso alla città per la parte controllata dagli asburgici; l'atra metà era occupata dai francesi che spregiativamente la chiamarono Veronette, toponimo rimasto ancor oggi. In epoca austriaca Porta Vescovo venne ingrandita con l'aggiunta dei due ingressi laterali che ne miglioravano la viabilità.

La seconda tappa, invece, sarà Bastione delle Maddalene, un bastione della cinta magistrale di Verona, ultimo baluardo del sistema difensivo austriaco. Preesistente al bastione era la cinta turrita scaligera del 1287-1289. Nel 1527 per volontà della Serenissima venne costruito il bastione e la cortina tra questo e Porta Vescovo. Nell’Ottocento il bastione fu perfezionato sostituendo le originarie postazioni superiori per artiglieria a cielo aperto con un secondo ordine di casematte, disposte nei fianchi al di sopra di quelle originarie. Nel 1839 ci fu il restauro e la trasformazione del bastione per volontà del feldmaresciallo Radetzky.

La terza e ultima tappa del giro sarà la Provianda di Santa Marta, un complesso di archeologia industriale situato nel centro storico di Verona, nel quartiere Veronetta. Fu progettato dalla Genie Direction austriaca di stanza nella città scaligera e costruito tra il 1863 ed il 1865. Originariamente era destinato alla produzione di pane e gallette, per l’intero contingente austriaco, al deposito e all'amministrazione di altri generi di sussistenza, ma a partire dal 2009 ospita i dipartimenti di economia dell'Università degli Studi di Verona.

Inoltre nello stesso giorno si potrà godere di un’apertura straordinaria della Biblioteca della Santa Marta attraverso una visita guidata riservata ai soli soci FAI previa esibizione della tessere personale. La visita sarà guidata di un membro del gruppo FAI Giovani di Verona al termine del percorso alla Provianda, per gruppi non superiori alle 15 persone. Non si accettano prenotazioni. Per gli iscritti FAI, e per chi si iscriverà per la prima volta durante l’evento, saranno riservate aperture straordinarie, corsie preferenziali, attività ed eventi speciali in molte città.

L’edizione 2016 di FAImarathon, realizzata con il Patrocinio del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo e di RAI Segretariato Sociale, è resa possibile grazie al prezioso contributo de Il Gioco del Lotto, main sponsor dell’evento, legato all’arte e alla cultura da oltre 500 anni, e di CityLife, società impegnata nel progetto di riqualificazione dell’ex quartiere storico della Fiera di Milano, per la prima volta a fianco della Fondazione in qualità di sponsor.

Ascolta il servizio realizzato dalla redazione di FuoriAulaNetwork.

12.10.2016