Il giudice Nicolò Zanon in cattedra a Scienze giuridiche

Il 16 febbraio incontro sul controllo di costituzionalità delle leggi nelle democrazie contemporanee

Il 16 febbraio l’ateneo ospiterà Nicolò Zanon, giudice della Corte costituzionale, che, alle 9.30 nell’Aula Cipolla del dipartimento di Scienze giuridiche, terrà la lezione “Il controllo di costituzionalità delle leggi nelle democrazie contemporanee”. A introdurre la lezione saranno gli interventi di Donata Gottardi, direttrice del dipartimento e Stefano Catalano, ricercatore di Diritto costituzionale dell’università.

"Per l'autorevolezza del relatore e l'interdisciplinarità dell'argomento – ha spiegato Stefano Catalano, ricercatore di Diritto costituzionale di ateneo – la lezione è stata pensata per gli studenti del corso di Giustizia costituzionale, ma è aperta anche agli studiosi dell'ateneo e a tutti gli interessati. L'obbiettivo è quello di fornire un quadro delle principali questioni che, nel presente momento storico e negli ordinamenti democratici, riguardano la tematica del controllo di costituzionalità delle leggi predisposte dai parlamenti. Tale strumento, ormai da due secoli, consente, in modi e contesti che cambiano nel tempo, di assicurare i principi e le regole costituzionali dalle violazioni".

Nicolò Zanon, prima di essere nominato alla Corte costituzionale nell’ottobre 2014, è stato componente laico del Consiglio superiore della magistratura dal 2010 al 2014 ed è attualmente professore ordinario di Diritto costituzionale dell’università degli studi di Milano. Fra i suoi principali temi di ricerca vi sono il libero mandato parlamentare e l'ordinamento giudiziario. Ha studiato, inoltre, sin dai suoi primi scritti, le questioni attinenti alla giustizia costituzionale, anche in chiave comparata.

11.02.2016