Università di Verona al Job&Orienta 2015

L’ateneo veronese presente in Fiera a Verona durante il salone nazionale dedicato a orientamento, scuola, formazione e lavoro

Si è chiusa con un bilancio di oltre 65mila visitatori la 25a edizione di JOB&Orienta, il salone nazionale orientamento, scuola, formazione e lavoro. Anche l’ateneo veronese grande protagonista in Fiera dal 26 al 28 novembre con diverse attività: lo stand informativo, letteralmente preso d’assalto dagli studenti delle scuole superiori, un incontro dedicato al Progetto Tandem e la presenza di Scienze motorie in un’area dedicata a sport e formazione.

Grande affluenza di pubblico nello spazio informativo dell’università di Verona. Le future matricole hanno potuto raccogliere informazioni su offerta formativa dei diversi corsi di laurea, strutture e diritto allo studio, grazie all’impegno di studenti tutor e del personale dell’Ufficio orientamento. Nella mattinata di venerdì 27 novembre spazio anche al “Progetto tandem”, iniziativa che riscuote grande successo tra gli studenti delle scuole superiori. Durante l’incontro, dopo i saluti di Giorgio Gosetti, delegato del Rettore per il Diritto allo studio e le politiche per gli studenti, sono intervenuti Lorenzo Carpanè e Paolo Fabene, docenti che svolgono corsi nell’ambito del progetto, Marilena Righetti, insegnante delle scuole superiori, Alessandro Contu e Maria Teresa Garati, studenti che hanno partecipato al Tandem negli scorsi anni e Maurizia Pezzorgna dell’ufficio Orientamento. L’università di Verona era presente, infine, con Scienze motorie, in un’area dedicata a sport e formazione che ha condiviso con istituti e licei a indirizzo sportivo.

Job&Orienta 2015. 65mila visitatori, 500 realtà presenti, 200 appuntamenti in calendario con oltre 350 relatori. Questi i numeri della 25a edizione di JOB&Orienta, che quest’anno ha affrontato il tema “Il lavoro, una realtà che educa. Conoscere, sperimentare, apprendere”. Tra gli ospiti d’eccezione intervenuti durante la tre giorni anche il ministro del lavoro e delle Politiche sociali Giuliano Poletti, il ministro dell’Istruzione, dell’università e della ricerca Stefania Giannini e il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti.

td

30.11.2015