La premiazione

I 3 studenti hanno ricevuto una borsa di studio di 1800 euro per la realizzazione di percorsi per lo “Spazio Educativo” di Peschiera

Anche quest’anno tre persone specializzate nel master universitario di primo livello “Infanzia e movimento: lo sviluppo da 0 a 6 anni” e nel corso di perfezionamento universitario “Corpo e movimento: attività motoria per l’infanzia 0-6 anni”  dell’ateneo si sono aggiudicate la borsa di studio di 1800 euro per la realizzazione di percorsi educativi motori con bambini da 0-6 anni per lo “Spazio Educativo” del Comune di Peschiera del Garda.

 

È stata questa la quarta edizione del concorso bandito dal Comune di Peschiera del Garda. Con un progetto di gioco motorio centrato sulla figura e sulle funzioni dei vigili del fuoco ("Da grande farò il pompiere"), Giulia Piffer ha ricevuto il premio per il miglior progetto dedicato a bambini nella fascia d'età da 3 a 6 anni; Alessandra Zanotto e Vanessa Cristofoli, vincitrici per le attività con bambini di 1-3 anni, sono state scelte grazie ad un originale impostazione delle proposte basate su accattivanti storie di fantasia ma ben orientati a raggiungere precisi e specifici obiettivi motori.

 

Il Comune di Peschiera del Garda, grazie all'impegno del sindaco Orietta Gaiulli e del segretario Stefano Venturi è all’avanguardia nelle attività di alta qualità dedicate ai bambini da 0 a 6 anni e da cinque anni collabora con il Centro di ricerca sullo sviluppo motorio nell’Infanzia dell’Università di Verona alla realizzazione della “Giornata del bambino 0-6 anni”. Si tratta di un evento che si svolge in primavera e che è inserito nei percorsi formativi post-laurea e di aggiornamento professionale realizzati dal centro di Ricerca. La "Giornata" viene interamente progettata e realizzata dagli studenti dei corsi sulle attività motorie nell’infanzia diretti da Guido Fumagalli e coordinati da Patrizia Tortella; “Una straordinaria opportunità di sviluppo di competenze professionali e, allo stesso tempo, di un'importante occasione di conoscenza sullo sviluppo motorio nell'infanzia e di educazione a stili di vita attivi ampiamente apprezzati dai genitori” spiegano Fumagalli e Tortella . “Si tratta anche di un'occasione di divertimento attraverso il movimento che sperimentano sia i bambini che i loro genitori che partecipano ogni anno sempre più numerosi”.

 

L'esperienza maturata con l'attività di ricerca del centro, con la collaborazione con le scuole dell’infanzia e materne e con la formazione dei corsisti ha portato alla stesura del volume “Attività fisica e funzioni esecutive nella scuola dell’infanzia. Consigli agli insegnanti su come promuovere salute e successo scolastico nei nostri bambini”. Diretto agli operatori della scuola dell'infanzia, il volume è un pratico manuale che guida gli insegnanti, ma anche i genitori, a trasformare il gioco in momento di acquisizione di competenze motorie e cognitive utili per il sano sviluppo del bambino e per il suo futuro successo scolastico.

 

Per informazioni sui corsi di specializzazione sull’attività motoria per l’infanzia e sulle attività del Centro di ricerca sullo sviluppo motorio nell’infanzia:

www.infanziaemovimento.it

www.0246.it