Un'esperienza formativa e di vita nel semestre in cui l’Italia guida il Consiglio dell’UE

Dopo la Grecia tocca all’Italiala guida del semestre europeo,l’undicesimo dal 1959 per il nostro Paese. E’ iniziato oggi il mandato di presidenza italiana al Consiglio dell’Unione europea durante il quale l’Italiacoordinerà il funzionamento del Consiglio dell’Ue nelle sue varie formazioni e proporrà gli argomenti all’ordine del giorno. Riveste un ruolo chiave in questo contesto la Rappresentanza Permanente italiana a Bruxelles che si occupa della gestione dei rapporti fra le autorità italiane e le istituzioni dell’Unione sia nella condotta dei negoziati, sia nelle cura delle relazioni con le altre istituzioni, in particolare il Parlamento Europeo e la Commissione Europea.

Anche l’università di Verona è coinvolta nel semestre europeo appena iniziato. Sono stati, infatti, selezionati cinque studenti dell’ateneo scaligero che a partire da oggi e per i prossimi sei mesi svolgeranno un tirocini formativo proprio alla Rappresentanza Permanente d'Italia a Bruxelles. Gli studenti vincitori del bando dall’ateneo, sono Silvia Bellomi, Carlotta Migliorini, Matteo Vicentini, Valentina Minelli e Hoxha Margita. Questo percorso di stage, che li terrà impegnati fino alla fine dell’anno, è per i ragazzi un’occasione per acquisire conoscenze e competenze in svariati ambiti che spaziano dalla politica internazionale, alle questioni sociali ed economiche dell’unione. Un’occasione altamente professionalizzante e allo stesso tempo un’eccezionale esperienze di vita. 

“L’università di Verona, – spiega Tommaso dalla Massara, delegato del rettore all'Orientamento e alle strategie occupazionali – continua a perseguire gli obiettivi che hanno posizionato l’ateneo al top nella classifica de  Il Sole 24ore: l'internazionalizzazione e la connessione sempre più stretta tra studio e lavoro. Ecco, dunque, questo progetto, fortemente voluto dalla Rappresentanza a Bruxelles e da Verona. Ora l'intenzione è quella di rendere questi ragazzi testimoni di un'avventura da raccontare là, a Bruxelles, e a Verona, al loro rientro. Sempre più nel cuore dell'Europa, come avevamo promesso". 

01.07.2014