Bruno Viano con Mario Magagnino

Il nuovo metodo che ottimizza la comunicazione aziendale presentato al corso di Comunicazione d'impresa di Mario Magagnino

“Che profilo ha il tuo brand?” Da questa domanda partono le ricerche e le analisi di mercato di Ethica, società  che si occupa di marketing. Ospite del corso in Comunicazione d’impresa di Mario Magagnino è stato Bruno Viano, uno dei fondatori della società. Il modello di analisi su cui Ethica fonda le proprie ricerche per rendere più efficace la comunicazione aziendale mette la teoria dei tipi di Jung a servizio del marketing. Un modello di analisi psicologica innovativa.  

Chromothinking. “Svelare l’anima delle cose è l’obiettivo di Ethica – ha spiegato Viano -. Il modello Chromothinking ci aiuta in questo. Nato prendendo spunto da strumenti impiegati con efficacia nell’ambito delle risorse umane si basa sulle teorie di profilazione e tipizzazione psicologica di Jung. Sedicii tipi psicologici individuati ognuno dei quali si correla con “preferenze” comunicative e percettive e quindi con caratteristiche e modelli di comportamento e di acquisto peculiari. Per fare alcuni esempi di base, il tipo feeling è un compratore empatico, collaborativo, accomodante, adattabile che decide d’istinto, in netta opposizione con il tipo thinking, osservatore, cauto, logico e analitico. Opposti tra loro anche il tipo sensing e quello intuition. Il primo fa i suoi acquisti basandosi sulle evidenze, mentre il secondo è più concettuale, immaginativo, globale. Il tipo introversion è calmo e misurato mentre quello extroversion è invece socievole, diretto, competitivo”. Grazie a Cromothinking i consulenti di Ethica arrivano a capire meglio non solo le strategie e lo stile comunicativo da adottare, ma anche le richieste implicite del target di clientela studiato. Partendo da interviste o da questionari, gli esperti sono in grado di misurare le “preferenze” di ognuno rispetto all’oggetto di studio,un brand, un testimonial, un packaging, uno spot, un cartellone pubblicitario, i premi di una iniziativa. In questo modo si ottiene una comunicazione percepita come chiara e positiva che verrà ricordata più facilmente. “Il metodo Chromothinking – spiega Magagnino – permette una nuova lettura della realtà che ci circonda ed è quindi applicabile a qualunque aspetto del business: dal miglioramento del profilo di personalità di un brand, all’uso di testimonial più apprezzati perché più coerenti con la percezione del brand più profonda del mercato, alla creazione di spot o packaging più performanti e chiaramente comunicativi fino al miglioramento del posizionamento di un prodotto o servizio”.

23/12/2013