Un momento della conferenza

Presentata nella sede in via dell’Artigliere la nuova e innovativa tessera per gli studenti dell’ateneo

Nasce “Carta Esu per l’Università” il primo strumento in uso negli atenei italiani che consentirà l’identificazione, l’accesso ai servizi e i pagamenti in uscita ed entrata a beneficio degli studenti dell’Università, dell’Accademia di Belle Arti e del Conservatorio Musicale di Verona. La nuova card è stata presentata nella sede Esu di via dell’Artigliere, da Domenico Francullo, presidente dell’azienda regionale per il diritto allo studio universitario, dal rettore Alessandro Mazzucco e da Leonello Guidetti, direttore della Divisione Banca Popolare di Verona. L’innovativo strumento nasce, infatti, dalla collaborazione sinergica tra l’azienda del diritto allo studio universitario, Università e Banca Popolare di Verona del Gruppo Banco Popolare per semplificare la vita degli universitari.
 

Servizi e opportunità. “Abbiamo offerto tutto il nostro supporto all’Esu – ha commentato il rettore Mazzucco – che sta facendo degli sforzi importanti che concretamente aiutano gli studenti. Grazie a questo rapporto estremamente proficuo di stretta collaborazione per gli studenti sarà possibile avere a completa disposizione numerosi servizi”. I ragazzi accederanno ad ogni servizio garantito da Esu, dalla ristorazione agli alloggi, dalle borse di studio al “presto bici”, dai prestiti librari all’uso delle aule informatiche, riceveranno le borse di studio e tutti gli altri benefici erogati in loro favore dall’Università e potranno effettuare pagamenti quali tasse e viaggi studio. Il tutto con una semplificazione enorme delle procedure, che saranno le stesse per accedere a servizi diversi con la massima sicurezza.

Diffusione e potenzialità. Entro l'estate la carta arriverà a casa dei circa 6000 studenti e dottori di ricerca muniti della vecchia Esu card, ai circa 2000 studenti dell’ateneo già titolari di borsa di studio e in possesso della vecchia carta Kdue black e alle nuove matricole che, per merito e reddito, avranno diritto a ottenere i benefici economici. A breve, inoltre, sarà aumentata la platea degli iscritti all’università che riceveranno “Carta Esu per l’Università”. La carta sarà, quindi, l’unico e indispensabile strumento per fruire dei benefici e dei servizi previsti dal diritto allo studio universitario e, allo stesso tempo, un’innovativa “carta conto”. Dopo la sua attivazione, i ragazzi potranno non solo effettuare pagamenti e prelievi in tutto il mondo e sul web, in massima sicurezza, ma anche ricevere e inviare bonifici bancari e altri pagamenti grazie al codice iban di cui la carta dispone. Uno strumento ideale per rispondere anche alle esigenze degli studenti fuori sede e ancora più utile per i ragazzi in viaggio per studio o lavoro. Esu ha inoltre presentato all’Andisu, associazione nazionale degli organismi del diritto allo studio universitario, la nuova carta unica di gestione di tutti i servizi dedicati agli studenti, la prima ad oggi impiegata negli atenei d’Italia. Uno strumento così innovativo da spingere l’associazione a studiare una tessera dello stesso tipo da proporre a tutte le aziende del diritto allo studio e università italiane.