Studenti universitari

L'Esu entra nelle scuole superiori per presentare i servizi di supporto alle future matricole

Vivo apprezzamento degli studenti delle scuole superiori di Verona  per l’iniziativa “focus diritto allo studio” promosso dall’Esu di Verona. Il progetto, nato per far conoscere alle future matricole tutti i servizi di sostegno al percorso di studi universitari, offre ai ragazzi l'opportunità di scoprire, indipendentemente dalla facoltà scelta, come poter essere aiutati a completare una formazione di qualità  nei tempi e nei modi previsti dagli ordinamenti didattici.

Giornata di orientamento. Sono già 30 su 36 gli Istituti e i Licei di Verona e provincia che hanno deciso organizzare una giornata di orientamento al diritto allo studio per gli studenti delle quinte superiori fissando un appuntamento con i dipendenti dell’azienda regionale. Durante i 5 incontri già avvenuti, le future matricole hanno chiesto informazioni sulla borsa di studio (entità dell’importo, modalità e requisiti per accedervi), sui servizi di ristorazione e alloggio senza dimenticare il sostegno economico alla mobilità degli studenti e agli scambi internazionali. “Queste prime giornate di confronto – spiega Domenico Francullo, presidente dell’Esu – hanno evidenziato che i ragazzi e quindi le loro famiglie non sanno quante e quali sono le agevolazioni economiche e di supporto garantite dal diritto allo studio. Per questo a partire dal prossimo anno l’iniziativa, fortemente voluta dal consiglio di amministrazione dell’azienda, diventerà un ulteriore strumento a sostegno dei ragazzi”. Soprattutto di quelli meritevoli e con maggiori difficoltà economiche che si iscrivono all’Università, al Conservatorio Musicale  e all’Accademia di Belle Arti di Verona.

Servizi e offerte Esu. Tanti gli ambiti d’intervento dell’azienda: dalle borse di studio al servizio abitativo e di ristorazione, l’orientamento allo studio e al lavoro. A questi, considerati servizi necessari, si aggiungono la mobilità e gli scambi internazionali, la consulenza psicologica, l’e-learning e la teledidattica, i prestiti fiduciari e il contributo per l’uso dei mezzi pubblici. Molte famiglie, infatti, non riuscendo a supportare economicamente i propri figli li indirizzano verso l'attività lavorativa. “Abbiamo chiamato l’iniziativa Esu chiama Scuola: focus Diritto allo studio – spiega Francullo – perché, entrando nelle scuole, spieghiamo ai ragazzi cos’è il diritto allo studio di cui l’Esu si rende garante: un diritto costituzionale che consente a tutti di raggiungere i più alti livelli della formazione. Questo grazie ai benefici, che assegniamo per concorso sulla base dei requisiti di reddito e merito e ai servizi rivolti all'intera comunità studentesca. Con il nostro supporto l’accesso all’università diventa più facile e i ragazzi possono concentrarsi sulla loro formazione”.