Maurizio Pedrazza Gorlero e Graziano Michele Cobelli con il preside Stefano Troiano alle spalle

La poesia "El Preside Maurissio" di Graziano Michele Cobelli dedicata a Maurizio Pedrazza Gorlero

“L’era oramai solo na question/ par darghe pi lustro e fama a sta gran cità/ che ci con studio e gran servel/ tirasse fora dai calti n’altra Facoltà”. È questo l’incipit della poesia che Graziano Michele Cobelli, portiere di Giurisprudenza, ha dedicato a Maurizio Pedrazza Gorlero, già preside della Facoltà, in occasione del suo pensionamento.

 

La dedica. “Ho l’onore di dedicare questa poesia in Vernacolo al professor Maurizio Pedrazza Gorlero – ha detto Cobelli – il quale, nonostante da molti anni asceso agli onori della più elevata Cultura, e nonostante si sia lasciato affascinare ed agganciare dalle più alte tecnologie che la scienza ha offerto in questi ultimi anni, non ha mai disdegnato né l’uso della nostra lingua madre né tantomeno, le nostre sane abitudini e tradizioni popolari. La poesia “El Preside Maurissio” raccoglie un po’ di storia della nostra giovane ma già molto apprezzata Facoltà ed un ricordo affettuoso del nostro ex Preside” ha spiegato Cobelli.

    

L’era oramai solo na question

par darghe pi lustro e fama a sta gran cità,

che ci con studio e gran servel

tirasse fora dai calti n’altra Facoltà.

 

Dopo un gran parlar de ste gran teste,

che i-era le siorasse de la siensa,

s’à ben capio che chela che mancava

l’era la Facoltà de Giurisprudensa.

 

Cossì l’è ’ndà che tuti ’ndafarè

parché la scumissia su na bona via

i à ciamà i meo profe su la piassa

par i deriti e par l’economia.

 

Riva butei, butele da par tuto

par deventar maestri nel giudissio,

ma a guernar gh’ocor na gran suca

e alora tuti, à vota Maurissio.

 

Quanti ani ch’è passà da ’lora,

gh’è stà le rogne e le sodisfassion

ma sgola el tempo e a deventar vecioti

riva par tuti el dì de la pension.

 

L’è stà fadiga ’verghe un capo brao

bon de restar sentà su na carega,

che ogni menuto trabala, scota,

e par gnente soto el culo la se sbrega,

 

tuti domanda, tuti la sà longa

e tuti vol erghe precedensa,

tuti fa complimenti anca se dopo

tuti ghe ciavarea la presidensa!

 

Desso, vardando un atimo ’ndrio

e bastansa contenti par come che l’è ’ndà,

con tanta comossion e un gropo in gola

ghemo streto la man e l’emo saludà.

 

Però, a vardar la tenpra del sogeto,

mi sò che la storia qua no l’è finia,

ancò el ne paga da bear a tuti ma stemo atenti:

de lu tanto in pressia, no se ne libaremo mia!

Allegati