logo Nua

Il Network Univerona Aziende si presenta

Ad un anno dalla sua nascita il Nua, Network Univerona Aziende, ha presentato alla stampa i primi importanti risultati. La scorsa settimana, nella sala del Consiglio di Palazzo Giuliari, Università di Verona e Agsm Energia hanno dato il via al progetto di ricerca “La valorizzazione del territorio attraverso il recupero dei manufatti produttivi” nell’ambito del dottorato di ricerca in Beni Culturali e Territorio. Agsm Energia ha, infatti, finanziato con 60.000 euro uno studio mirato al recupero e alla valorizzazione del sistema energetico storico veronese.

 “Network Univerona Aziende – spiega Maria Fiorenza Coppari, coordinatrice della Comunicazione integrata di ateneo – è un’attività che abbiamo avviato a Verona, tra i primi in Italia, nell’ambito delle competenze della Comunicazione integrata per consentire alle aziende veronesi nuove opportunità per essere partner dell’Ateneo nel sostegno alla ricerca. La novità del Nua è nel metodo d’approccio. E’ la nostra équipe del fundraising ad entrare in contatto con l’azienda per presentare l’Ateneo e prospettare la possibilità di divenire partner della ricerca con donazioni interamente deducibili. Siamo molto soddisfatti della risposta del territorio. Troviamo porte aperte e grande interesse e disponibilità al dialogo con l’Ateneo. L’università è percepita così come un valore dai veronesi".

È stato, infatti, creato un fondo destinato a sostenere la concreta espressione delle potenzialità dei giovani ricercatori. Aderendo al Network Univerona Aziende le imprese, attraverso una donazione, possono finanziare borse di studio per Dottori di Ricerca che saranno assegnate annualmente tramite concorso pubblico.

Le imprese hanno anche la possibilità di sostenere un intero Dottorato di Ricerca per lo sviluppo di una tesi dedicata ad un tema concordato con l’ateneo. Inoltre, l’azienda che avesse già individuato uno specifico ambito di interesse potrà scegliere di finanziare il lavoro di un Ricercatore attraverso un assegno di ricerca

Il finanziamento di joint projects, progetti di ricerca mirati e progetti Prin, Progetti di Rilevante Interesse Nazionale, sono le ulteriori possibilità di collaborazione tra università, imprese e territorio.

 Come entrare nel Network Univerona Aziende

Ogni azienda sarà contattata dell’Università e potrà fissare un appuntamento per approfondire ogni aspetto della nuova opportunità. Sottoscrivendo la loro adesione le imprese potranno usufruire del logo del Network ed essere valorizzate nel sito dell’Università con specifici link e con iniziative di comunicazione a loro espressamente dedicate. Le aziende, inoltre, usufruiranno delle deduzioni fiscali previste sulle erogazioni liberali effettuate per il finanziamento della ricerca in favore di Università.

 Il Nua per la ricerca

Il Nua è un’ottima opportunità per sostenere la ricerca e i giovani laureati  che accedono a Dottorati di ricerca. Il Dottorato di Ricerca è il terzo e più alto livello di formazione previsto nell’ordinamento accademico italiano al quale si accede mediante concorso pubblico per titoli ed esami. Obiettivo del dottorato è fornire le competenze necessarie per esercitare in università, enti pubblici o soggetti privati attività di ricerca di alta qualificazione. Il percorso formativo prevede la definizione e lo svolgimento di un progetto di ricerca sia attraverso programmi di didattica avanzata, sia tramite l’approfondimento individuale e in molti casi attraverso lo scambio culturale con altri Paesi.

 Sviluppo, Innovazione e Imprese

I Dottori di ricerca dell’Università di Verona ricevono una formazione di livello internazionale di elevatissima qualità tant’è che sono risorse che spesso vengono catturate da università e aziende straniere. L’ateneo vuole mettere in gioco nel territorio la loro capacità di fare innovazione per promuovere lo sviluppo. “Innovazione” è, d’altro canto, un concetto sempre più globale che coinvolge sempre più strettamente le imprese perché applica contenuti e metodi emersi dalla ricerca a contesti reali e pratici in grado di produrre sviluppo. Unendo le competenze scientifiche e culturali con l’apporto organizzativo imprenditoriale si possono ottenere risultati importanti.