L'immagine simbolo del master

Aperte le iscrizioni per il master in Computer Game Development, promosso dall'università di Verona

Il mondo dei videogiochi è in rapida espansione e sta raggiungendo frontiere fino a pochi anni fa inimmaginabili. Il master in Computer Game Development intende rispondere alla richiesta di un mercato in rapidissima espansione, alla ricerca di nuove figure professionali sempre più preparate e specializzate.

Di cosa si tratta? Il settore dei videogame non conosce crisi: un comparto che negli ultimi tre anni ha raddoppiato il proprio valore e che oggi è alla ricerca di nuove figure professionali. A questa richiesta risponde il master in Computer Game Development, avviato per il secondo anno consecutivo dall’università degli studi di Verona. Promosso dalla facoltà di Scienze matematiche, fisiche e naturali dell’ateneo scaligero e diretto da Andrea Fusiello, unico nel suo genere questo master si propone di formare professionisti in grado di destreggiarsi all’interno di una realtà ancora praticamente inesplorata dal mondo accademico.

I numeri del successo. In quanto a numeri il master non conosce rivali: 18 iscritti, una riduzione dei costi d’iscrizione pari a 250 euro e un aumento della didattica di 50 ore. Nel collegio docenti figurano professori universitari ed esperti provenienti da Milestone, Idoru, Dream Locker e Ubisoft. Le prospettive di assunzione per i partecipanti sono ottime, i posti disponibili sono 20, e un gruppo di studenti del primo anno sta pensando di mettersi in proprio. Lo stesso gruppo si è classificato terzo alla finale italiana della Imagine Cup, prestigiosa competizione che permette ai programmatori di tutto il mondo di mettere al confronto le proprie idee e abilità informatiche.

Una scuola per creatori di videogame. La didattica è organizzata in due moduli in cui alle lezioni teoriche si alternano abilità pratiche e ore di laboratorio. Nel primo modulo vengono introdotte competenze tecniche di base, come grafica, ingegneria del software e interazione utente-calcolatore. A questo fa seguito un secondo modulo dove vengono esaminate le competenze specifiche richieste per la realizzazione dei videogames. E’ infatti indispensabile formare persone preparate, in grado di rispondere ad un mercato che è in espansione sempre più rapida e dove la competizione è spietata.