Tag: ricerca


Giornata veronese del fegato

Le malattie del fegato sono in aumento e rappresentano un importante problema di salute a livello mondiale. Secondo i dati dell’Organizzazione mondiale della sanità, 1,4 milioni di persone muoiono ogni anno a causa di malattie del fegato. La cirrosi epatica ha una prevalenza dello 0,3% nella popolazione totale e colpisce in Italia tra le 150 e le 180 mila persone l’anno. Di questi 14.600 sono...

Leggi tutto...


Borsa di studio della Fondazione Veronesi ad Angela Lauriola

Angela Lauriola, incaricata alla ricerca in Biologia molecolare al dipartimento di Biotecnologie, si è aggiudicata una borsa di studio della Fondazione Umberto Veronesi. Con il bando “Post-doctoral Fellowship 2022” sono finanziati progetti per la ricerca nell’area dell’oncologia, delle malattie cardiovascolari, delle neuroscienze e della prevenzione delle malattie croniche. Originaria di San Giovanni Rotondo, Lauriola si è laureata in Biologia all’università di Modena e Reggio Emilia dove...

Leggi tutto...


Borse Marie Curie, dall’Europa 1.400.000 euro per finanziare sei giovani ricercatrici e ricercatori

Sono 6 le ricercatrici e i ricercatori che hanno scelto Verona per svolgere il proprio progetto scientifico grazie al programma “Marie Skłodowska-Curie”. Promosso dalla Commissione europea e intitolato alla prima donna premio Nobel, è il programma di finanziamento principale nell’ambito di Horizon per la formazione dottorale e post-dottorato. È la prima volta che Verona si aggiudica un numero così alto di giovani leve del mondo...

Leggi tutto...


Verona al sesto posto tra le giovani università d’Italia

  L’università di Verona è sesta tra le 17 giovani università d’Italia partecipanti alla classifica del “Times Higher Education Young University Rankings”, che nel 2022 ha preso in considerazione 790 atenei con meno di 50 anni dalla loro istituzione. L’ateneo scaligero, al sesto posto tra le università italiane a pari merito con un altro ateneo, è preceduto dalla Scuola superiore Sant’Anna di Pisa, dal Vita...

Leggi tutto...


Un passo avanti nella ricerca sulla SSADH deficiency

La SSADH deficiency è una malattia neurometabolica rara e debilitante. E’ causata da mutazioni nel gene che codifica per l’enzima succinico semialdeide deidrogenasi (SSADH) che portano alla sintesi di varianti enzimatiche incapaci di svolgere una efficiente attività catalitica. Tale enzima è responsabile di una delle vie cataboliche nel neurotrasmettitore inibitorio GABA, essenziale per il controllo motorio. Quando i livelli di GABA sono alterati si hanno...

Leggi tutto...


Le arance della salute di fondazione Airc tornano nelle piazze

Sabato 29 gennaio tornano nelle piazze le Arance della Salute con il primo appuntamento dell’anno di raccolta fondi di Fondazione Airc per sensibilizzare i cittadini sull’importanza della prevenzione attraverso la sana alimentazione e abitudini di vita salutari. Per fare il pieno di salute e di vitamine saranno disponibili anche marmellata d’arancia e miele millefiori.  Ventimila volontari distribuiscono reticelle da 2,5 kg di arance rosse coltivate...

Leggi tutto...


Studiare le malattie neurodegenerative grazie ai “mini cervelli”

Studiare malattie neurodegenerative e testare nuovi farmaci attraverso organoidi cerebrali. È questo l’obiettivo della ricerca del gruppo coordinato da Ilaria Decimo del dipartimento di Diagnostica e sanitò pubblica – sezione di farmacologia – e pubblicato sulla rivista interdisciplinare iScience. “La ricerca, ambito del progetto europeo HERMES che ha come obiettivo più ampio quello di generare nuovi sistemi bioibridi (combinazione di componenti biologiche e artificiali) per...

Leggi tutto...


Nuove evidenze sulla medicina di genere

Lo studio dell’influenza delle differenze biologiche sta diventando un tema sempre più importante in ambito medico. Anche per questo, l’Associazione Mogli Medici Italiani, Ammi, ha deciso conferire il premio per la Medicina e farmacologia di genere alla ricercatrice di Barbara Mariotti. Biotecnologa del dipartimento di Medicina dell’ateneo di Verona, Mariotti lavora nella sezione di Patologia generale, e ha ottenuto il riconoscimento per i suoi studi...

Leggi tutto...


Effetti terapeutici delle cellule stromali mesenchimali nei trapiantati

“Mesenchymal stromal cells: putative microenvironmental modulators become cell therapy” è il titolo di una revisione dei dati della letteratura scientifica, sia clinica che sperimentale, degli ultimi 20 anni, sui principali meccanismi d’azione che sono stati considerati per spiegare gli effetti terapeutici delle cellule stromali mesenchimali (MSC) una volta trapiantate nei riceventi in diverse patologie recentemente pubblicata sulla rivista Cell Stem Cell. Autori dello studio sono...

Leggi tutto...


Asse intestino-cervello ed epilessia: dimostrato da un gruppo multidisciplinare dell’università di Verona un possibile effetto facilitatore del microbiota

Un team dell’ateneo di Verona ha dimostrato come l’epilessia induca il cambiamento del microbiota intestinale; inoltre, hanno dimostrato come questo microbiota alterato possa facilitare la patologia epilettica in soggetti precedentemente liberi da crisi epilettiche. La scoperta, che testimonia l’importanza del cosiddetto “asse intestino-cervello”, è opera di un team multidisciplinare dell’ateneo di Verona, composto da ricercatori di tre diverse sezioni del dipartimento di Neuroscienze, Biomedicina e...

Leggi tutto...



Page 1 of 3012345...102030...Last »