Tag: ricerca


Nuove evidenze sulla medicina di genere

Lo studio dell’influenza delle differenze biologiche sta diventando un tema sempre più importante in ambito medico. Anche per questo, l’Associazione Mogli Medici Italiani, Ammi, ha deciso conferire il premio per la Medicina e farmacologia di genere alla ricercatrice di Barbara Mariotti. Biotecnologa del dipartimento di Medicina dell’ateneo di Verona, Mariotti lavora nella sezione di Patologia generale, e ha ottenuto il riconoscimento per i suoi studi...

Leggi tutto...


Effetti terapeutici delle cellule stromali mesenchimali nei trapiantati

“Mesenchymal stromal cells: putative microenvironmental modulators become cell therapy” è il titolo di una revisione dei dati della letteratura scientifica, sia clinica che sperimentale, degli ultimi 20 anni, sui principali meccanismi d’azione che sono stati considerati per spiegare gli effetti terapeutici delle cellule stromali mesenchimali (MSC) una volta trapiantate nei riceventi in diverse patologie recentemente pubblicata sulla rivista Cell Stem Cell. Autori dello studio sono...

Leggi tutto...


Asse intestino-cervello ed epilessia: dimostrato da un gruppo multidisciplinare dell’università di Verona un possibile effetto facilitatore del microbiota

Un team dell’ateneo di Verona ha dimostrato come l’epilessia induca il cambiamento del microbiota intestinale; inoltre, hanno dimostrato come questo microbiota alterato possa facilitare la patologia epilettica in soggetti precedentemente liberi da crisi epilettiche. La scoperta, che testimonia l’importanza del cosiddetto “asse intestino-cervello”, è opera di un team multidisciplinare dell’ateneo di Verona, composto da ricercatori di tre diverse sezioni del dipartimento di Neuroscienze, Biomedicina e...

Leggi tutto...


Un tampone nasale per fermare il Parkinson

Un tampone nasale capace di prevedere il Parkinson, prima che la malattia si manifesti con i disturbi motori. È il risultato del lavoro di un team di scienziate e scienziati di livello internazionale, coordinati dall’Università di Verona, capace di implementare un tampone nasale per prevedere il Parkinson e fermare il progresso della malattia in una fase pre-motoria o di rallentare lo sviluppo verso la malattia conclamata.    A...

Leggi tutto...


La ricerca contro la Sclerosi multipla continua grazie alla telemedicina

Un videogioco per individuare precocemente i segni di una disfunzione cognitiva nella Sclerosi multipla, anche nei pazienti più giovani, prima che i classici test riescano a farlo. È questo il risultato di uno studio condotto del team di scienziati e scienziate di ateneo coordinato da Massimiliano Calabrese, docente di Neurologia nel dipartimento di Neuroscienze, Biomedicina e Movimento dell’ateneo. Si tratta di un nuovo strumento di...

Leggi tutto...


La ricerca continua con Massimo Venturelli

In questa nuova puntata de “La ricerca continua” Massimo Venturelli, docente del dipartimento di Neuroscienze, biomedicina e movimento, presenta una ricerca sul ruolo chiave dell’attività fisica contro il deterioramento muscolare nei pazienti di Parkinson. Realizzato assieme a Camilla Martignon, in collaborazione con il gruppo della sezione di Neurologia guidato da Michele Tinazzi, il lavoro è stato pubblicato sulla rivista internazionale di fisiologia Acta Physiologica. Lo...

Leggi tutto...


Indetto il bando “Women first 2020” che premierà una giovane laureata

Un premio di laurea del valore di 1000 euro, finanziato dal Soroptimist International Club di Verona, per riconoscere il talento delle giovani laureate dell’Ateneo veronese, premiando una donna “che opera per il benessere sociale, in particolare quello femminile”. Si tratta del premio “Women first 2020”, per la promozione della donna nella società e nelle professioni. Potranno presentare domanda di partecipazione le laureate dei corsi di...

Leggi tutto...


Living lab sulla robotica cooperativa

Un evento dedicato a chi si occupa di ricerca e sviluppo nelle aziende, studentesse e studenti, ma anche curiosi e appassionati di tecnologia: ecco cosa sarà il living lab dal titolo “Integrazione di sensori di contatto low-cost nei manipolatori antropomorfi per il loro uso nella robotica cooperativa”, in programma mercoledì 23 giugno dalle 14 alle 18 al laboratorio Ice dell’università di Verona, in via Santa...

Leggi tutto...


La mobilizzazione passiva: stimolo attivo per la funzionalità vascolare

Studiare l’effetto della mobilizzazione passiva sulla funzione vascolare compromessa dalla drastica diminuzione di movimento e non dalla malattia. È questa la nuova ricerca del Dipartimento di Neuroscienze, Biomedicina e Movimento dell’ateneo di Verona, condotta in collaborazione con l’istituto geriatrico Fondazione Arrigo Mazzali di Mantova e pubblicata su The Journal of Gerontology: Medical Sciences. Ad oggi, la mobilizzazione passiva ripetuta su soggetti di età avanzata allettati,...

Leggi tutto...


Sclerosi Multipla: dall’Università di Verona diagnosi precoce e terapie personalizzate contro la progressione della malattia

Identificare i meccanismi patogenetici alla base della progressione della Sclerosi Multipla in modo da poter intervenire con terapie personalizzate per bloccare o ritardare l’accumulo della disabilità. È questo l’obiettivo di una ricerca condotta da Massimiliano Calabrese, docente di Neurologia dell’università di Verona, che si è aggiudicato il “Research Challenge Awards” promosso dall’ “International Progressive MS Alliance” di cui AISM con la sua Fondazione Italiana Sclerosi...

Leggi tutto...



Page 1 of 3012345...102030...Last »