Da sinistra: Silvia Bacilieri

Il riconoscimento della Fondazione Cattolica Assicurazioni va ai paper presentati e alla loro esposizione

Si è tenuto giovedì 12 e venerdì 13 giugno il quinto Financial Reporting Workshop, un evento organizzato dal Dipartimento di Economia aziendale con l’obiettivo di approfondire il tema del financial accounting partendo dalla presentazione e analisi di articoli sull’argomento. Il convegno, coordinato dall’ordinario di Economia aziendale Alessandro Lai, è stato arricchito dai contributi di ospiti di rilievo internazionale. La sessione di venerdì si è conclusa con la premiazione, da parte della Fondazione Cattolica Assicurazioni, dei ricercatori Domenico Campa e Giulia Leoni. Si tratta di un riconoscimento importante che va a premiare i paper presentati ma anche la loro effettiva esposizione nell’ambito del workshop. «Riconoscere il merito e la competenza di questi studenti  è davvero una soddisfazione – afferma il segretario generale della fondazione Adriano Tomba – Ed a questi studenti che hanno dimostrato il loro valore scientifico vorremmo ora dire di continuare a investire. Investire sulla formazione della propria coscienza. Saranno infatti i valori ed i principi ad allargare la conoscenza scientifica che hanno acquisito rendendoli più veri e più uomini».

Domenico Campa è assistant professor presso il Trinity College di Dublino. Il paper premiato, scritto in collaborazione con Ray Donnelly, supervisor e senior lecturer a Cork, analizza i servizi non audit forniti dalle società di revisione ai propri clienti oggetto di audit con riferimento al panorama del Regno Unito.

Giulia Leoni ha conseguito il dottorato di ricerca all’università di Verona ed è attualmente ricercatrice all’università di Cagliari. Attenta conoscitrice delle tematiche delle piccole e medie imprese, ha recentemente pubblicato una monografia sull’argomento. Il lavoro presentato durante il workshop riprende il tema delle piccole-medie imprese italiane, studiandone la relazione tra il costo del debito e la qualità dell’informativa di bilancio. Il paper osserva nel dettaglio i trend di oltre 10.000 imprese italiane su un arco temporale che va dal 2004 al 2010.

RD

17.06.2014