Imparare cinese a Verona, al via il nuovo corso

Martedì 29 aprile si è tenuta la prima lezione del corso di alfabetizzazione promosso dal Dipartimento di Lingue e Letterature straniere e l’Esu scaligera

Si è svolta martedì 29 aprile nell’aula 2.5 del Palazzo si Lingue la prima lezione del corso di alfabetizzazione in lingua cinese promosso dal Dipartimento di Lingue e Letterature Straniere dell’Università. L’attivazione dell’insegnamento è stata resa possibile grazie ad una convenzione con l’Esu di Verona, Azienda regionale per il diritto allo studio universitario, che coprirà i costi del corso e uno stage formativo di quindici giorni nel nord della Cina per i migliori dieci studenti.

Sono molte le richieste ricevute, ben 184, ma pochi i posti disponibili. Considerando le numerose domande di partecipazione – ha spiegato Roberta Facchinetti, direttore del dipartimento – in accordo con l’Esu e la docente, abbiamo aperto questo corso a 35 studenti anziché 25 come precedentemente stabilito. Faremo la stessa cosa con il secondo corso che abbiamo chiesto di attivare con fondi dipartimentali. La grande risposta che abbiamo avuto è sintomo di quanto gli studenti sappiano cogliere le nuove iniziative che vengono proposte e capiscano che è necessario guardare oltre in modo strategico”. “La Cina sarà il nostro futuro” – ha aggiunto Elisa Guardalben, docente del corso – “Il cinese è una lingua molto forte e molto ricca che vale la pena approfondire. Intraprenderne lo studio significa iniziare dalle basi, quindi dal leggere e dallo scrivere. È una lingua non alfabetica, pertanto è molto diversa per noi e arrivare a livelli avanzati richiede tempo. Certamente se il corso andrà bene e gli studenti risponderanno con motivazione e interesse si potrà pensare di proseguire con corsi di livello intermedio”. A ribadire l’importanza dell’insegnamento anche Anna Bognolo, presidente del Collegio didattico di Lingue e Letterature Straniere “Il cinese è ormai diventato una lingua fondamentale nella possibilità di avere rapporti con paesi in via di sviluppo. Con l’inizio del corso si apre, dunque, un piccolo mondo dove ci si augura si possano ottenere altri finanziamenti per allargare le possibilità da offrire ai nostri studenti”.

Ascolta le interviste a Roberta Facchinetti, Anna Bognolo e  Elisa Guardalben , realizzate dalla redazione di FuoriAula Network.

30.04.2014