Il Premio Nobel Orhan Pamuk ospite all’università di Verona

Venerdì 11 aprile, alle 17.30, nell’aula T3 del Polo Zanotto

Lo scrittore turco Orhan Pamuk, Premio Nobel della Letteratura 2006, sarà ospite all’università di Verona venerdì 11 aprile, alle 17.30, nell’aula T3 del Polo Zanotto.Pamuk incontrerà la comunità universitaria e la cittadinanza durante l’incontro “Il museo dell’innocenza. Dal romanzo al museo”, organizzato dalla scuola di dottorato in Studi umanistici di ateneo diretta da Anna Maria Babbi, dal dipartimento di Filologia, letteratura e linguistica diretto da Guglielmo Bottari e  in collaborazione con l’ufficio Comunicazione. Un appuntamento in cui il Nobel racconterà la bellezza e le contraddizioni della Turchia e di Istanbul, sua amata città, attraverso le storie di vita e gli amori dei suoi abitanti, sospesi tra Oriente e Occidente, tra modernità e tradizione. A introdurre l’intervento, che si svolgerà in lingua inglese, sarà Massimo Salgaro, ricercatore del dipartimento di Lingue e letterature straniere di ateneo. Sul palco, in conversazione con Pamuk, anche Silvia Bigliazzi, ordinario di Letteratura inglese e Pinar Özütemiz, dottoranda dell'università scaligera.

“Il museo dell’innocenza” è il titolo del romanzo di Pamuk pubblicato nel 2008 ed è contemporaneamente una raccolta di oggetti, allegorie e metafore che nel corso di alcuni anni lo scrittore ha cercato e poi allestito con pazienza e dedizione in affollate teche di legno disposte sui tre piani di un vecchio palazzo di Istanbul, nel cuore di Cukurcuma, un tempo quartiere popolare, oggi rifugio per nuovi e vecchi immigrati, artisti e antiquari.
Il museo, inaugurato nel 2012, è ospitato nella casa in cui abitava Füsun, protagonista dell’infelice storia d’amore narrata nel romanzo.

Scarica la locandina

04.04.2014