StartUp weekend 2013

54 ore a disposizione di giovani imprenditori per trasformare la propria idea in azienda

Si è conclusa la seconda edizione di StartUp weekend, format internazionale per giovani imprenditori. Un fine settimana di attività frenetica che da venerdì 8 a domenica 10 novembre, nella sede del dipartimento di Biotecnologie, ha coinvolto studenti ed esperti di design, programmazione, marketing, comunicazione e business. Nove i progetti realizzati in soli tre giorni e valutati da una giuria di professionisti che ha premiato l’idea migliore. L'evento, organizzato da Event-Lab e Open Service ha visto trionfare l'applicazione per smartphone realizzata da Mirko Ingrà.

Diciassette le idee iniziali proposte nei “pitch”, 60 secondi in cui ciascuno ha descritto il proprio progetto cercando di convincere gli altri startupper a votarlo. Attorno ai nove progetti più meritevoli selezionati  si sono formati team di lavoro composti da coloro che hanno avuto l’idea ma anche da esperti di design, programmazione, marketing, comunicazione e business. Dodici coach hanno aiutato i giovani imprenditori mettendo a disposizione la propria esperienza per tutte le 54 ore utili a elaborare l’idea iniziale.

Domenica sera la giuria ha decretato il vincitore finale. L’applicazione per smartphone Qrious, proposta da Mirko Ingrà è stata considerata la migliore idea di business. Si tratta di un’applicazione in grado di generare QR code, un codice a barre bidimensionale, a scopo promozionale e consentire la tracciabilità degli accessi per analisi di marketing. Seconda classificata, l’applicazione Wishire del team di Sara Cortellazzi, una piattaforma che consente l'affitto di articoli per bambini tra privati. Al terzo posto, GrowingApp.it di Andrea Persico e Mirko Danzi, un sistema di applicazioni ludiche educative, personalizzabili che consente ai genitori e ai formatori di tenere traccia dei progressi del bambino nell'apprendimento. Sono stati assegnati anche premi speciali. Il premio del pubblico è stato assegnato a Good Morning Web, presentato dal portoghese Tiago Martinho, che ha catturato le simpatie di tutti i partecipanti in quanto realizzato e presentato da un team composto solo da 3 persone. L'applicazione si è aggiudicata anche il premio per il miglior design. Il premio per il progetto di marketing più innovativo è andato invece a Use My Bag, di Giuseppe Burdo, mentre UpDishes si è aggiudicato la menzione speciale “#daje” da parte degli organizzatori, per essere stato il team che ha lavorato più duramente, restando svegli per buona parte del sabato notte per sfruttare al meglio il tempo a disposizione.“Ringraziamo il Liaison office dell'università per averci messo a disposizione gli spazi del dipartimento di Biotecnologie"- afferma Simone Santagata, socio di Event-Lab, l'agenzia di eventi che ha organizzato la manifestazione insieme a Open Service – "Sono molto soddisfatto dell'evento e la gioia maggiore è quella di vedere innovatori pronti a impegnarsi nel creare imprese. Molte delle idee presentate hanno davvero concrete possibilità di trovare una realizzazione nei prossimi mesi, e contengono al loro interno un buon potenziale nella creazione di posti di lavoro”.

 

12/11/2013