arche scaligere

Continuano gli appuntamenti promossi dall'istituto in collaborazione con la Fondazione Toniolo

Al via “I venerdì della Soprintendenza”, il cilco d’incontri che ha l’obiettivo di ripercorrere la storia della Soprintendenza per i beni architettonici e paesaggistici di Verona, Rovigo e Vicenza e di mettere in luce alcune tra le più importanti pagine dell’attività monumentale scaligera. Dalla sua costituzione, alle ricostruzione postbellica fino alla conservazione del complesso cimiteriale della Arche Scaligere, gli appuntamenti saranno l’opportunità per ripercorrere oltre un secolo di storia di un importante tassello della vita culturale e sociale della città. L’iniziativa è organizzata in collaborazione con la fondazione Toniolo e gli incontri, ad ingresso libero, si terrànno in Sala Gazzola di Piazza San Fermo, 3.

Gli appuntamenti. Il ciclo d'incontri è stato inaugurato l’11 gennaio con “La Soprintendenza ai Monumenti di Verona: storia di un’istituzione” condotta da Luca Leonedella Soprintendenza per le province di Verona, Rovigo e Vicenza. Il 18 gennaio, invece, la parola è passata a Maristella Vecchiato e al suo intervento su "Verona la guerra e la ricostruzione". Si prosegue venerdì 25 gennaio, alle 17.30, con il soprintendente Gianna Gaudini che interverrà su “Il restauro dell’Arca di Cansignorio della Scala”. Il ciclo d’incontri si chiuderà il 1 febbraio, alle 15.30, con la visita guidata alle Arche scaligere a cura di Ettore Napione e Claudio Modena.