I ragazzi dell'Alba

Giorgio Napolitano ha assistito allo spettacolo “L’Alba delle Libertà” all’Arsenale scaligero. Disponibile il video del suo discorso

Uno spettacolo originale, diverso da tutte le altre manifestazioni organizzate nell’ambito delle celebrazioni del 150° anniversario dell’Unità d’Italia. Così Giorgio Napolitano ha definito “L’Alba delle Libertà”, l’omaggio dell’università proposto all’Arsenale  in occasione della visita del Presidente della Repubblica a Verona.

La cerimonia. Tutti in piedi per l’Inno di Mameli cantato dal coro di voci bianche Alive, dell’Accademia della lirica di Verona. Il “Coro della Repubblica” ha cantato e ballato il rap della Costituzione Costi quel che costi e la canzone Per la libertà, due brani significativi scritti per la rappresentazione da Marco Ongaro. In questa cornice sonora, gli studenti-attori dell’università di Verona hanno recitato alcuni passi della Costituzione, tra gli applausi generali. Un intreccio di musiche e parole per trasmettere la passione dei Costituenti e il significato della Costituzione. Questa è “L’Alba delle Libertà”, un innovativo strumento di studio ideato per l’università da Maria Fiorenza Coppari.

 I complimenti di Napolitano. Pochi frammenti dello spettacolo sono stati sufficienti per commuovere il Presidente della Repubblica. “Mi congratulo con ognuno di voi per questa rappresentazione molto partecipata, molto spontanea e informativa – ha detto Napolitano -. Meritano un particolare ringraziamento anche le istituzioni e l’università in particolare per questo spettacolo che vuole essere un risveglio che parte dal basso. Questa iniziativa è stata spontanea – ha continuato il Capo dello Stato -. Ho visto tante manifestazioni che, seppur diverse, erano molto simili. Prevedevano un discorso e mi congratulavo con l’oratore. Non voglio sminuire i discorsi, li ho apprezzati molto. Ma questo spettacolo collettivo ha dato la giusta prospettiva in un anno così importante per il nostro Paese.”  

Vista il sito web de "L'Alba delle Libertà"

Online su Fuori aula network il podcast dell'evento