Un'immagine di Giuliana Sgrena

Giuliana Sgrena presenta il suo ultimo libro venerdì 14 maggio in aula T1 (Polo Zanotto) alle 17.30

Venerdì 14 maggio 2010 alle ore 17.30inaula T1 – Polo Zanotto, in viale dell’Università, 1 – il Corso di laurea in Scienze della Comunicazione della Facoltà di Lettere e Filosofia ospita la giornalista GiulianaSgrena.

Il Ritorno della Sgrena. Giuliana Sgrena presenterà il suo ultimo libro “Il Ritorno. Dentro il nuovo Iraq” edito da Feltrinelli e sarà un’occasione per approfondire, con studenti, docenti e cittadini, alcune tematiche care all’autrice, alla luce della situazione attuale in Iraq e non solo. Rapita il 4 febbraio 2005 a Baghdad e liberata un mese dopo in circostanze drammatiche che hanno portato all’uccisione dell’agente dei servizi segreti italiani Nicola Calipari – Giuliana Sgrena è testimone del nostro tempo e con lei dialogheranno Olivia Guaraldo e Lorenzo Bernini, docenti di Filosofia Politica della facoltà di Lettere e filosofia dell’Università di Verona. In apertura porterà il saluto della facoltà il preside Guido Avezzù e per il Comitato Pari Opportunità la presidente Anita Conforti. A cinque anni dal suo rapimento, Giuliana Sgrena è tornata in Iraq. E ce lo racconta con intensità e lucidità nel suo ultimo libro: “Dapprima timidamente, nella regione di confine controllata dai kurdi. Poi, finalmente, a Baghdad. Ritornare in luoghi tanto amati, ma anche così drammatici, non può che essere per lei fonte di vivo shock. Ma poco dopo, la giornalista si abbandona alla descrizione di ciò che vede. La gente torna a mangiare sulle rive del Tigri, le donne riconquistano una visibilità sociale e politica, tanto da abbandonare il velo e anche la sinistra sociale, seppur con fatica, sembra riconquistare uno spazio che tradizionalmente le appartiene”.

Chi è Giuliana Sgrena? Giuliana Sgrena, inviata de “il manifesto”, negli ultimi anni ha seguito l’evolversi di sanguinosi conflitti, in particolare in Somalia, Palestina, Afghanistan, oltre alla drammatica situazione in Algeria. Negli ultimi due anni ha raccontato la guerra e l’occupazione in Iraq. Nei suoi servizi cerca di indagare la realtà che sta dietro lo scontro armato, la vita quotidiana delle principali vittime delle guerre moderne: donne e bambini. Ha dedicato particolare attenzione all’islamismo e al suo effetto sulla condizione delle donne. Attualmente collabora, tra l’altro, con RaiNews24, con il settimanale tedesco “Die Zeit”, con la radio della Svizzera italiana e con riviste di politica internazionale. Libri pubblicati: La schiavitù del velo, voci di donne contro l'integralismo islamico (manifestolibri 1995); Kahina contro i califfi, islamismo e democrazia in Algeria (Datanews 1997); Alla scuola dei taleban (manifestolibri 2002); Il fronte Iraq, diario da una guerra permanente (manifestolibri 2004).

Per informazioni: www.lettere.univr.it