Un dialogo immaginario tra Kafka padre e Kafka figlio

Il secondo appuntamento del ciclo di incontri “Figli di Giano” il 18 maggio al Polo Zanotto

Proseguono gli appuntamenti del ciclo “Figli di Giano”, curato da Roberto Pasini docente di Storia dell’Arte contemporanea dell’ateneo e dedicato a figure intellettuali. Dopo il primo spettacolo dedicato al dialogo immaginario tra Madame Bovary e Anna Karenina, che si è svolto lo scorso dicembre, il 18 maggio, alle 15.40, nell’aula T4 del Polo Zanotto, è in programma “Kafka padre risponde al figlio Franz. Dialogo”.

La rappresentazione è scritta da Renato Barilli critico e professore emerito dell’università di Bologna e derivata dal suo saggio “Comicità di Kafka” (Milano, Bompiani, 1981). La lettura scenica vedrà la partecipazione degli interpreti Aldo Sassi e Alessandro Fornari, con la regia di Piero Ferrarini. L'evento sarà aperto dai saluti di Pasini e di Gian Paolo Romagnani, direttore del dipartimento di Culture e Civiltà dell’università.

Renato Barilli, nato a Bologna nel 1935, è tra i più noti intellettuali italiani. Docente, fenomenologo degli stili e autore di numerosi testi di critica artistica e letteraria, è stato protagonista delle stagioni della cultura italiana e internazionale a partire dagli anni Sessanta, e ha dedicato gran parte delle sue ricerche al tema della ricezione dell'opera d'arte, studiando le nuove dinamiche di fruizione già evidenziate da McLuhan. Barilli ha svolto inoltre un'intensa attività di organizzazione di mostre ed eventi culturali.

Per informazioni, è possibile consultare la locandina dell’evento.

12.05.2016