l'Ambasciatore David E. Thorne che commenta il discorso inaugurale di Barack H. Obama

Al party per l’insediamento presente anche Michelangelo Zaccarello, docente dell’Università di Verona

Un onore. Riservato a pochi. Durante il tradizionale party che si è tenuto all’ambasciata americana di Roma in occasione del giuramento che ha inaugurato ufficialmente il secondo mandato di Barack Obama, rieletto lo scorso novembre presidente degli Stati Uniti d’America, c’era anche un po’ di Università di Verona.

Tra gli invitati, infatti, figurava Michelangelo Zaccarello, docente di Filologia italiana all'ateneo scaligero. Zaccarello è stato invitato alla festa in qualità di ex partecipante al progetto Amerigo che da anni (in modo analogo a quanto avviene tra i paesi europei con l'Erasmus) promuove la mobilità di studenti, ricercatori e insegnanti tra Italia e Stati Uniti. In particolare, il professore dell'ateneo veronese era stato inserito «nelle quote» della borsa di studio Fulbright, fondazione che sostiene attività culturali coordinate dal ministero degli Esteri e dal corpo diplomatico americano.