Note d'augurio

Il 10 ed il 16 dicembre due concerti per festeggiare il Natale in Università

L’Università di Verona festeggia il Natale con “Note d’augurio”, la rassegna musicale che quest’anno propone due concerti nell’aula magna del Polo Zanotto. Giovedì 10 dicembre alle 21 appuntamento con la musica corale dell’orchesta “Chorus Band”, mentre mercoledì 16 dicembre, sempre alle 21, si potrà assistere allo spettacolo lirico del tenore Cosimo Panozzo. Gli appuntamenti sono rivolti in particolare a studenti e giovani.

10 dicembre. Una serata elettrizzante, il 10 dicembre, con l’orchestra vocale a cappella “Chorus Band” che proporrà i più grandi successi italiani e internazionali pop, rock, dagli anni Sessanta agli anni Ottanta, melodie gospel e canti natalizi. L’evento è promosso dall’Ufficio comunicazione integrata di ateneo in collaborazione con l’assessorato alle Politiche giovanili del Comune di Verona e Esu-Ardsu. La band, nata nel 1993, è una formazione unica nel suo genere; una vera e propria orchestra che canta e suona riproducendo, con la sola voce, sia la melodia che gli accompagnamenti musicali. Un organico composto da nove elementi, che vede alternarsi sette solisti accompagnati da una sezione armonica e una ritmica, sostenuti dal basso e dalla batteria. Una formula che riscuote ovunque successo e garantisce uno spettacolo coinvolgente.

16 dicembre. Gli auguri in musica continueranno nella serata del 16 dicembre con il concerto lirico di Cosimo Panozzo, accompagnato al pianoforte dal maestro Luciano Mandarà. Il giovane tenore è stato allievo di Luciano Pavarotti e di Ivo Vinco e si sta affermando per le belle doti vocali e interpretative. Vincitore dell’edizione 2009 del concorso internazionale di canto lirico "Toti dal Monte", ha cantato con la tournée del “Rossini Opera Festival” in Giappone. Panozzo non è certo un nome sconosciuto neppure nell’ateneo veronese dove si è laureato in Economia e commercio nel 2005. L’evento è promosso dal Consiglio degli studenti con il contributo di Esu-Ardsu e con la partecipazione della fondazione Avsi impegnata in progetti di cooperazione allo sviluppo nei Paesi più in difficoltà; nel corso della serata Avsi esporrà alcuni dei suoi progetti, in particolar modo quelli che necessitano con maggiore urgenza di un sostegno economico.

Entrambe le serate sono ad ingresso libero.