Moot Court Competition. Diritto Romano e Tradizione Civilistica

Martedì 14 marzo, in ateneo, al via le selezioni dell’edizione 2017

Sono aperte le selezioni per partecipare alla terza edizione della “Moot Court Competition. Diritto Romano e Tradizione Civilistica”, che si terrà a Palazzo Feltrinelli Gargnano, Brescia, l’8 e il 9 giugno. La competizione processuale s’inserisce nell’ambito delle attività organizzate dal Laboratorio romanistico gardesano di cui fanno parte le università di Verona, Brescia, Milano Statale e Trento.

Il primo appuntamento informativo è in programma martedì 14 marzo, alle 16.30, nell'aula Falcone Borsellino del dipartimento di Scienze Giuridiche dell’università di Verona, dove i coordinatori dell’iniziativa, i docenti Tommaso dalla Massara e Carlo Pelloso ,con la collaborazione delle dottorande Marta Beghini, Maria Federica Merotto e Isabella Zambotto, presenteranno la competizione agli studenti frequentanti i corsi di Istituzioni di diritto romano dell’ateneo scaligero.

Anche quest’anno, i cinque componenti della squadra veronese, selezionati per merito tra i candidati, saranno chiamati ad assumere le vesti ora di attori, ora di convenuti, facendo valere le proprie ragioni, contrapposte a quelle delle squadre avversarie. Gli studenti scaligeri, infatti, a giugno sfideranno i colleghi provenienti dagli altri atenei del Laboratorio romanistico gardesano nella competizione di respiro internazionale, dati gli ospiti che parteciperanno.  Tra loro Andrea Trisciuoglio dell’università di Torino, Jean-François Gerkens dell’université de Liège, Belgio e Francisco J. Andres Santos dell’universidad de Valladolid, Spagna, che affiancheranno, in qualità di giudici, i referenti delle singole università.

I precedenti competitors – spiegano i promotori dell’iniziativa – si sono dimostrati entusiasti di quest’attività sia come momento di crescita formativa che professionale. Grazie all’esperienza vissuta i ragazzi hanno avuto la possibilità di mettersi in gioco in una simulazione processuale, sviluppando capacità di ragionamento giuridico, di public speaking e di team working”.

La Redazione

10.03.2017

Allegati