Nuova casa per le associazioni studentesche

Saranno inaugurati il 24 novembre alle 17.30 i nuovi spazi in via Campofiore

Le associazioni studentesche dell’università di Verona avranno presto una nuova casa. Saranno inaugurati giovedì 24 novembre alle 17.30 i nuovi spazi a disposizione di gruppi e associazioni degli studenti di ateneo in via Campofiore 17. All’evento, promosso dal Consiglio degli studenti, parteciperà anche il delegato all'Orientamento e alle Politiche per gli studenti Giorgio Gosetti. Durante l'iniziativa, a ingresso libero, sarà offerto un buffet.

“Sono molto felice per l’inaugurazione di questi spazi per le associazioni. – spiega Sergio Cau, presidente del Consiglio degli studenti – È stato un lavoro parecchio complicato e devo ringraziare Matteo de Carli per la proficua collaborazione nella stesura del regolamento. Gli spazi sono pronti da circa un anno, ma il vecchio consiglio non era riuscito ad approvare il regolamento in tempi rapidi. Da quando mi sono insediato ho sollecitato il Consiglio e gli Uffici nel preparare l’istruttoria e con l’aiuto di Maria Rosa Giarraputo, vicepresidente del Consiglio, siamo riusciti a portare il regolamento in Senato accademico e a farlo approvare. L’idea di creare degli spazi risale a diversi anni fa quando, con la vecchia presidente del consiglio Maria Giovanna Sandri, riuscimmo ad ottenere una soluzione provvisoria nel piano interrato del palazzo di Economia. Con l’arrivo del nuovo delegato alle Politiche per gli studenti, Giorgio Gosetti, la richiesta è decollata e con la collaborazione dell’Isu siamo riusciti a organizzare questi spazi. Oggi sono completi al 99%, mancano ancora i pc e un proiettore. In ogni caso, al momento d’ingresso delle associazioni, previsto a fine novembre, tutto sarà al suo posto. La vera e grande novità è che si potrà accedere a qualunque ora e restare in questi spazi fino a tarda sera. Finalmente tutte le realtà associative che ogni giorno si impegnano in università creando e organizzando momenti di dialogo e confronto avranno una casa. Un ringraziamento – conclude Cau – va a tutti i gruppi e associazioni che parteciperanno all’iniziativa e che da troppo tempo aspettavano questi spazi. Non nascondo un certo orgoglio nel dire che finalmente ce l’abbiamo fatta”.

17.11.2016

Allegati