Le fonti di energia tradizionali e quelle rinnovabili a confronto

Quinto incontro dedicato ai problemi del mondo contemporaneo

Speranza, giustizia e solidarietà sono i tre elementi che, ancora una volta, tornano ad essere protagonisti del ciclo di conferenze “Il mondo contemporaneo: conoscere i problemi per un impegno responsabile”, giunto ormai a metà. Il quinto incontro, dedicato ai bisogni e alle risorse energetiche, ha avuto due relatori. Federico Testa, presidente dell’Enea, agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile e docente di Economia e gestione delle imprese di ateneo, e Giuseppe Manni del Manni Group. A moderare l’incontro  Federico Brunetti, docente di Economia e gestione delle imprese.

Come ha annunciato Brunetti "Il tema del primo incontro è quello dell’energia che, al pari degli altri, è importante e fondamentale. Forse è uno degli aspetti a cui prestiamo meno attenzione perché è una di quelle cose date per scontate, che nella nostra fortunata esistenza siamo abituati ad avere senza problemi. Le implicazioni e i problemi che solleva, non sono però da sottovalutare”. Testa ha spiegato quanto fondamentale sia il ruolo dell’energia: “Senza energia non si può far nulla, occupa un posto importante nella nostra vita. La storia energetica dell’Italia è stata caratterizzata fino agli anni ’60 dall’utilizzo di energia idroelettrica, seguita dal gas, fino ad arrivare, negli ultimi dieci anni, a diverse fonti rinnovabili: solare fotovoltaico, energia eolica, solare termico, biomasse e altre forme più marginali”.

Il prossimo incontro è previsto per lunedì 14 novembre, dalle 17.30 alle 19.30 nell’aula T5 del polo Zanotto. Tema della serata sarà “La cura della casa comune: il pensiero e lo stile di papa Francesco”. Stella Morra, docente alla Pontificia università gregoriana, sarà la relatrice della serata. L’incontro sarà moderato da Luigina Mortari, direttrice del dipartimento di Scienze umane.

07/11/2016