Cesare Maestri e il Senato accademico