Nuove evidenze sulla medicina di genere

Conferito il premio per la Medicina e farmacologia di genere alla dottoressa Barbara Mariotti

Lo studio dell’influenza delle differenze biologiche sta diventando un tema sempre più importante in ambito medico. Anche per questo, l’Associazione Mogli Medici Italiani, Ammi, ha deciso conferire il premio per la Medicina e farmacologia di genere alla ricercatrice di Barbara Mariotti. Biotecnologa del dipartimento di Medicina dell’ateneo di Verona, Mariotti lavora nella sezione di Patologia generale, e ha ottenuto il riconoscimento per i suoi studi immunologici sulla Bpco, la broncopneumatia cronica ostruttiva.

Le interferenze dovute al sesso e al genere sono fattori presi sempre più in considerazione durante i momenti di sviluppo, pratica clinica e decorso della malattia di ogni paziente. La medicina di genere si occupa proprio di questo: valutare queste differenze, e imparare a gestirle attraverso la ricerca immunologica e farmacologica.

La dottoressa Barbara Mariotti, attraverso i finanziamenti dell’associazione AMMI proseguirà il suo studio immunologico sulla Bpco, e sull’alterazione delle cellule immunitarie nello sviluppo della patologia, legata fortemente al sesso dei pazienti.

Per ascoltare le parole della biotecnologa e scoprirne di più, è disponibile l’intervista: