L'incontro dell'estate scorsa

70 bambini e ragazzi di diverse nazionalità trascorreranno la giornata di venerdì 17 luglio nelle strutture sportive di Scienze motorie

Per la seconda estate consecutiva il Centro estivo di ateneo e il Cestim Verona, Centro studi immigrazione, che promuove attività culturali e sociali per gli immigrati, si incontrano nell’ambito del gemellaggio che vede interagire i centri estivi di città e provincia. L'iniziativa si colloca all'interno delle attività “Play&Game” del Centro estivo di ateneo per creare momenti di incontro e scambio in cui i bambini e i ragazzi di diverse nazionalità vengono coinvolti in attività di esplorazione delle relazioni interpersonali.

Lo sport, facilitando la condivisione delle esperienze, favorisce una interazione tra le persone e le differenti culture. Dando valenza pragmatica a questo assunto, il rapporto di collaborazione tra Centro estivo di ateneo e Cestim desidera valorizzare, attraverso la pratica di attività sportive, l’approccio interculturale come strumento di conoscenza e scambio fra culture differenti.

70 bambini e ragazzi delle scuole elementari e medie di Verona e provincia trascorreranno la giornata di venerdì 17 luglio nelle strutture sportive di Scienze motorie. Gli insegnanti e gli operatori del Centro estivo di ateneo organizzeranno e proporranno per l’occasione attività per stimolare l’interesse per lo sport, momenti ludico-sportivi e laboratori creativi di gruppo finalizzati a condividere esperienze in un clima di apprendimento e diletto.

“Concretamente le attività previste e organizzate nella giornata di venerdì – spiega Doriana Rudi, responsabile del progetto "Metti la tua salute nel movimento" – trarranno spunto dai gesti dell'atletica leggera: salto in lungo, corsa e vortex, e saranno gestite in modo informale e con un approccio ludico e non competitivo. Il gemellaggio con il Cestim enfatizza la funzione del movimento e dello sport quale strumento di socializzazione e valorizzazione delle differenze”.

Il centro estivo di ateneo, promosso da Scienze motorie del dipartimento di Scienze neurologiche e del movimento in collaborazione con il Cus e il Comitato delle pari opportunità dell’ateneo scaligero, offre a bambini e ragazzi un'ampia e variegata gamma di attività motorie e sportive, proposte e condotte con competenza e professionalità da operatori, operatrici e laureati in Scienze delle attività motorie e sportive, e calibrate nel rispetto delle esigenze e dello sviluppo psicomotorio. Il programma prevede due tipi di attività differenti. Il “Play&Game base”, per i bambini dai 4 agli 11 anni, che propone attività motorie e sportive mirate all'acquisizione e al miglioramento degli schemi motori di base, e il “Play&Game Outdoor Sport” per i ragazzi dai 12 ai 15 anni che, oltre alle attività sportive più conosciute e praticate come calcio, volley, baseball, ogni settimana approfondisce discipline "outdoor" quali arrampicata, trekking, nordic walking, mountain bike. Sono previste anche uscite in bici o a piedi.

17.07.2015