Mino Milani ospite all’università

Giovedì 29 maggio, dalle 17 alle 19, nell’aula T2 del Polo Zanotto l’incontro con lo scrittore d’avventura per ragazzi

“Raccontare l’avventura. Incontro con l’autore Mino Milani”. Questo il titolo del seminario che si terrà giovedì 29 maggio, dalle 17 alle 19, nell’aula T2 del Polo Zanotto. Protagonista dell’evento lo scrittore d’avventura Mino Milani. Oltre all’autore interverranno Claudio Gallo, uno dei massimi esperti nazionali dell’opera di Emilio Salgari, di fumetti e narrativa d’avventura, e Silvia Blezza Picherle, ricercatrice di Letteratura per l’infanzia e Pedagogia della lettura dell’università di Verona. Moderatore dell’evento Luca Ganzerla, dottore di ricerca e studioso di Letteratura per l’infanzia. Nell’occasione i promotori del Premio “Emilio Salgari” di Letteratura Avventurosa consegneranno a Milani il riconoscimento “Ilcorsaronero” per una vita dedicata alla scrittura d’avventura.

Mino Milani, pavese, classe 1928, laureato in lettere moderne, è giornalista, storico, sceneggiatore di fumetti e scrittore. A partire dagli anni Cinquanta ha segnato in modo indelebile la narrativa per ragazzi e più in generale quella di avventura. Autore prolifico, sin dal suo esordio con il ciclo di romanzi dedicato al cowboy malinconico Tommy River, comparso inizialmente a puntate su il Corriere dei Piccoli a partire dal 1958, si impose come una novità dirompente capace sin da subito di raccoglie un incredibile consenso di pubblico. Da allora è diventato una delle colonne del noto settimanale per ragazzi del Corriere della Sera. Milani è oggi considerato una delle figure decisive nel rinnovamento qualitativo della letteratura per l’infanzia e l’adolescenza verificatosi in Italia a partire degli anni Settanta. Un ruolo che l’autore ha ricoperto anche nei decenni successivi sapendo rinnovare stile e contenuti, senza sacrificare originalità e autenticità tipici di quasi tutti i suoi lavori. Opere come “Aka Hor” (1969), “Guglielmo e la moneta d’oro” (1992), “L’ultimo lupo” (1993), “L’uomo venuto dal nulla” (2000), “Un angelo, probabilmente” (2005), “Udilla” (2005) sono diventati in breve autentici classici contemporanei della narrativa d’avventura per ragazzi. Tra i romanzi per adulti si segnalano invece “Le isole della paura” (1982), “La fine della battaglia” (1993), “Quei due anni di amore e di guerra” (1943-45), “La guerra sia con me. Vita immaginaria di San Rocco” (2005).

26.05.2014