Uno scorcio delle Dolomiti

Premio per le migliori tesi di laurea, master e dottorati riguardanti la regione delle Alpi

Dopo il successo della prima edizione, il Segretariato permanente della Convenzione delle Alpi organizza la seconda edizione del “Premio Giovani Ricercatori”. Cinque premi di 1000 euro ciascuno saranno assegnati alle migliori tesi di laurea, master e dottorati che trattano della regione alpina e che si focalizzano sui temi dell’energia o del turismo sostenibile. L’iniziativa è sostenuta da Ars.Uni.Vco, Fondation Grand Paradis e Espace Mont-Blanc, in rappresentanza degli Infopoints della Convenzione delle Alpi. L'obiettivo del premio è di dare ai giovani l'opportunità di contribuire al dibattito sulle questioni alpine nel quadro della Convenzione alpina. Il termine  per la presentazione delle domande è il 30 aprile.

La Convenzione sulla Protezione delle Alpi, detta ”Convenzione delle Alpi”, è un trattato internazionale siglato il 7 novembre 1991 da Austria, Francia, Germania, Italia, Liechtenstein, Principato di Monaco, Slovenia e Svizzera nonché dalla Comunità Europea con l’obiettivo di promuovere lo sviluppo sostenibile e tutelare gli interessi della popolazione residente, tenendo conto delle complesse questioni ambientali, sociali, economiche e culturali. Con questo trattato è stata riconosciuta per la prima volta l’unità territoriale alpina e la necessità di forme di cooperazione transnazionali comuni per la difesa del patrimonio delle Alpi. Inoltre la Convenzione delle Alpi il primo trattato per la protezione di un’area montana al mondo a essere vincolante in conformità al diritto internazionale.

I cinque premi saranno consegnati durante una cerimonia pubblica a fine 2014. I lavori dovranno concentrarsi sui temi dell’energia e del turismo sostenibile. In particolare dovranno trattare di uso razionale delle risorse energetiche nel rispetto dell’ambiente, efficienza energetica, la regione delle Alpi come corridoio nella rete di trasporto, sviluppo sostenibile nella regione alpina, strategie e politiche per migliorare forme di turismo ecosostenibile. Una giuria scientifica internazionale valuterà i lavori migliori premiando la novità e l’innovazione della ricerca, la rilevanza per questioni politiche attuali per lo sviluppo sostenibile nelle Alpi, l’importanza per l’intera area alpina e l’interdisciplinarità. Gli interessati dovranno inviare un estratto di massimo cinque pagine A4 in lingua inglese e l’intera tesi in lingua originale insieme alla scheda di partecipazione entro il 30 aprile.

Maggiori informazioni

16.01.2014