Lucia De Franceschi (la prima a destra) e il suo team di ricerca