510867580

Tommaso dalla Massara presidente del collegio di Giurisprudenza fa il punto sull'andamento delle iscrizioni alla luce delle novità che riguardano i corsi di studio dell'area giuridica

I test di ammissione ai corsi di laurea dell’area giuridica sono in programma il 27 settembre, alle 11, nelle aule del palazzo di Giurisprudenza in via Carlo Montanari daranno la possibilità ad altri studenti e studentesse di provare ad accedere al corso di laurea magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza e al corso di laurea triennale in Scienze dei servizi giuridici, per il primo anno a numero chiuso. A fare il punto sull’andamento delle candidature Tommaso Dalla Massara, direttore del Collegio di Giurisprudenza.

Siamo molto soddisfatti per i primi risultati della profonda riforma che stiamo realizzando sulla struttura dei corsi di laurea in Giurisprudenza.In questo momento le iscrizioni risultano in aumento del 58% per il corso di laurea magistrale in Giurisprudenza e del 138% per il corso di laurea triennale in Scienze dei Servizi giuridici. Dunque l’introduzione del numero programmato non ha affatto spaventato coloro che cercavano una formazione giuridica seria e di qualità. Ricordo che il 27 settembre si terrà l’ultima sessione di test per la messa a bando dei posti residui: circa un centinaio per la laurea magistrale e una sessantina per la triennale. Dunque suggerisco di iscriversi subito a coloro che vogliono entrare: i giochi stanno per chiudersi.

Abbiamo inoltre approvato quest’estate una riforma della laurea magistrale che comincerà a entrare a regime nel prossimo anno accademico, con cui abbiamo rivisto in profondità l’offerta didattica e in particolare delineato quattro percorsi, tutti a forte caratterizzazione internazionale. Mi limito a ricordare il primo percorso, dedicato alle professioni legali nella dimensione europea internazionale, e il quarto percorso, dedicato alle “new industries”, ossia ai nuovi settori nei quali il giurista si rende sempre più necessario: penso soprattutto ai ruoli collegati alle nuove tecnologie. 

Va detto poi che Giurisprudenza apre le sue porte alle matricole con il “Welcome day” nella mattinata del 1 ottobre:  sarà anche l’occasione per raccontare meglio i contenuti didattici di un Dipartimento che già è stato riconosciuto dal Ministero come “di eccellenza”.

Anticipo inoltre il Legal Day, dedicato ai giovani giuristi. Nella mattina del 25 ottobre, nella sede di Giurisprudenza in via Montanari, dopo il saluto della Presidente del Tribunale Antonella Magaraggia, avremo il racconto di un mestiere molto particolare, quello di un pubblico ministero impegnato in inchieste delicatissime, soprattutto in tema di camorra: il dottor Maresca della Procura di Napoli parlerà infatti del proprio lavoro agli studenti. La professione dell’avvocato oggi sarà poi illustrata dal Presidente dell’Ordine di Verona, l’avvocato Sandro Rigoli. E poi apriremo il recruiting degli avvocati del domani con le presentazioni di grandi studi legali associati con sede a Milano e Roma, i quali gestiranno dei veri e propri desk per conoscere i nostri ragazzi. Sarà così un’altra occasione utile per sviluppare un rapporto forte tra formazione e mondo del lavoro“.