ContaminAzioni per l’Europa

La conferenza, in programma il 18 gennaio all’Educandato agli Angeli, è organizzata con la collaborazione di dipartimenti di Scienze giuridiche e Culture e civiltà

Aprire un confronto critico, multidisciplinare e diacronico sull’Europa, che porti ad azione concrete per sensibilizzare i cittadini al tema dell’identità europea. È l’obiettivo di “ContaminAzioni per l’Europa”, conferenza webinar in programma il 18 gennaio, dalle 9.30, nel teatro dell’Educandato agli Angeli, in via Cesare Battisti 6 a Verona. L’appuntamento si svolgerà con modalità innovative e coinvolgerà anche altre tre città, Latina, Atene e Salonicco, collegate in streaming con la sede veronese. Inoltre, tutti gli interventi saranno registrati e condivisi in podcast sul web, in modo da essere accessibili anche online al termine del convegno. All’iniziativa, organizzata con la collaborazione dei dipartimenti di Scienze giuridiche e Culture e civiltà, parteciperanno anche i docenti di ateneo Silvino Salgaro, Anna Maria Paini e Donata Gottardi.

L’evento nasce dalla collaborazione tra l’associazione di promozione sociale Glocal Factory, esperta in formazione ed euro progettazione, e l’ente di ricerca Alteritas – Interazione tra i popoli, realtà veronese che studia le forme di contatto e di scambio tra culture e popoli diversi. Oltre alla collaborazione dei due dipartimenti di ateneo, la conferenza gode del patrocinio del Comune di Verona, della Fondazione Toniolo, dell’associazione VivInEuropa e della Cooperativa L’Ovile di Reggio Emilia. Il comitato promotore è composto da Simona Marchesini di Alteritas, Attilio Orecchio e Anna Schena, Glocal Factory, e Maria Clara Rossi, Alteritas e docente del dipartimento Culture e civiltà.

Il programma. Il tema specifico della conferenza è quello delle contaminazioni, cioè di quei mutamenti che avvengono grazie al contatto con l’altro. Durante la mattinata, a partire dalle 9.30, ci sarà una seduta plenaria in cui il tema sarà affrontato da un punto di vista filosofico, storico, linguistico e geopolitico. Tra gli interventi ci sarà anche quello di Silvino Salgaro, docente di Geografia del dipartimento Culture e civiltà che parlerà de “Le geografie delle contaminazioni in Europa”. Nel pomeriggio, invece, relatori e pubblico si divideranno in cinque workshop, che tratteranno alcuni ambiti specifici. A Verona, dalle 14 all’Educandato agli Angeli ci sarà “Le seconde generazioni tra contaminazione ed emarginazione”, con l’intervento, tra gli altri, di Anna Maria Paini, docente di Antropologia culturale del dipartimento Culture e civiltà. Nella stessa sede, a partire dalle 15, si terrà invece il workshop “L’Europa del diritto e dei diritti”, coordinato da Donata Gottardi, direttrice del dipartimento di Scienze giuridiche, durante il quale interverranno anche Camilla Federici e Federico Reggio, borsista e assegnista del dipartimento.

“Ogni piccolo tassello nell’ideazione e nell’organizzazione dell’evento – spiegano Glocal Factory e Alteritas – ha un senso e una funzione specifica. Questa conferenza vuole essere uno spazio di riflessione e discussione, ma anche l’occasione per proporre azioni concrete. La modalità innovativa di svolgimento vuole essere testimone, nella collaborazione tra diverse città e nel congiungimento di più mezzi di comunicazione, di una contaminazione positiva e produttiva. Abbiamo l’ambizioso obiettivo di contribuire alla costruzione di un futuro comune”.

È già stata confermata la partecipazione di alcune classi dell’IT Marco Polo e del Liceo Scipione Maffei di Verona, ma il convegno si rivolge anche a studenti e professori universitari, addetti ai lavori nell’ambito della progettazione europea, operatori dei settori maggiormente toccati dalla tematica e a chiunque sia interessato al dibattito. Per le iscrizioni consultare la sezione dedicata sul sito di Glocal Factory.

Per iscrizioni: http://glocalfactory.eu/contaminazioni-iscrizione/?lang=it

Per maggiori informazioni consultare la locandina.